Il recente studio OMS pubblicato sulla rivista The Lancet Global Health, afferma che l'inattività fisica regolare causa problemi di Salute e aumenta il rischio di malattie cardiache, diversi tipi di cancro, diabete, malattie mentali e compromette la qualità della vita, per questo uno degli obiettivi del Piano Globale per l'Attività Fisica è raggiungere la riduzione della sedentarietà del 10% entro il 2025.

Pubblicità
Pubblicità

I risultati delle ricerca scientifica condotta dai ricercatori dell'Organizzazione mondiale della sanità dimostrano attraverso i report le percentuali dell'inattività fisica nella maggior parte dei paesi indicando le tendenze globali e regionali.

I risultato dello studio scientifico

I ricercatori hanno utilizzato due tipi di questionari con domini di attività fisica internazionali e globali per svolgere sondaggi i cui dati hanno stimato il livello di attività fisica insufficiente in 22 paesi nel 2008 e aggiornamenti del 2010 per 146 paesi.

Pubblicità

I dati riguardavano le attività fisiche svolte a lavoro, casa, trasporto e tempo libero, ritenuti sufficienti se maggiori di 150 minuti di dinamicità moderata o 75 minuti di esercizio intenso a settimana o la combinazione fra loro. Modelli di regressione hanno adattato i risultati ad una definizione standard di inattività per fascia d'età in modo da calcolare l'effetto della sedentarietà sul rischio di malattie e la percentuale di individui inattivi nel mondo, stabile dal 2001 al 2016 a circa il 27,5%, pari a 1:4 individui adulti.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Salute

Dai report si dimostra che le donne sono le persone meno attive pari il 23,4% con una differenza dell'8% rispetto agli uomini, specialmente nell'America latina 43,7%, Asia meridionale 43% e nei paese occidentali ad alto reddito come Usa, Regno Unito e Cina 42,3% per via di una maggiore sedentarietà a lavoro, trasporto e nelle attività ricreative.

Gli uomini più attivi sono in Oceania con sedentarietà pari al 12,3%, Uganda e Mozambico 6%, i paesi con maggiore inattività fisica sono il Kuwait 67%, Arabia Saudita 53% e Iraq 52% e il report italiano è pari al 41,4%.

The New Global Action Plan on Physical Activity

Il Piano globale 2018 per l'attività fisica promosso dall'OSM prevede 20 azioni mirate per rendere la popolazione mondiale più attiva riducendo il livello di inattività fisica del 10% prima il 2025 e del 15% entro il 2030, le persone sedentarie nel mondo sono circa 1,4 miliardi e per raggiungere l'obiettivo sono stati promossi interventi per migliorare spazi e luoghi di attività fisica e programmi sportivi per le persone di tutte le età e condizioni fisiche.

Pubblicità

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto