Un vaccino che potrebbe consentire alle persone celiache di consumare in sicurezza il glutine ha iniziato i test di fase 2 negli Stati Uniti, in Australia e in Nuova Zelanda dopo oltre un decennio di sviluppo. I risultati di diversi studi di fase 1 hanno dimostrato che il trattamento modificante il sistema immunitario, denominato Nexvax2, è sicuro e tollerabile. I prossimi studi valuteranno la sua efficacia. Nexvax2 riprogramma le cellule T in modo tale da non attaccare più determinate sequenze di aminoacidi - peptidi - all'interno delle proteine ​​che costituiscono il glutine, esponendo ripetutamente il corpo a forme modificate di tre di questi peptidi.

In circa l'80-90% dei casi celiaci, la risposta infiammatoria del paziente al glutine - che porta alla distruzione del rivestimento intestinale se il glutine viene consumato frequentemente - sorge perché sono portatori del gene Hla-Dq2.5. Questo gene crea una proteina di riconoscimento che istruisce le cellule T a segnalare come pericolosi i peptidi del glutine innocui. Il vaccino non funzionerà per soggetti con sensibilità al glutine HLA-DQ2.5-mediato.

I dati dello studio

I ricercatori ImmusanT sperano di arruolare 150 pazienti celiaci nei tre Paesi.

I partecipanti riceveranno 32 iniezioni totali di Nexvax2, somministrati a intervalli bisettimanali, quindi sottoposti a sfide per il cibo con glutine mascherato (ovvero non sapranno se il glutine è presente o meno negli alimenti). La società ha riferito che il primo paziente si è unito al processo e ha iniziato le iniezioni a fine settembre. A partire da ora, la maggior parte dei 40 siti di studio sta reclutando attivamente più partecipanti o inizierà a farlo presto.

"Questo studio è importante per stabilire una dimostrazione clinica di un trattamento che fornisca un beneficio, oltre a quello della dieta priva di glutine", ha dichiarato il dottor Tye-Din, un ricercatore che lavora al progetto. "La dieta priva di glutine è l'unico trattamento attuale per la malattia celiaca, ma è onerosa, complessa e non sempre efficace - ha concluso Tye-Din - Anche i pazienti più diligenti possono subire gli effetti avversi dell'esposizione accidentale".

Secondo il sito Web di ImmusanT, il trattamento con Nexvax2 coinvolgerà più dosi per acclimatare gradualmente le cellule T ai peptidi del glutine. Durante questo periodo, l'infiammazione e il danno tissutale nell'intestino possono guarire, alleviando i sintomi della malattia. Idealmente, l'individuo potrebbe quindi consumare il glutine in piccole quantità o liberamente senza una risposta immunitaria. Saranno necessari booster periodici per mantenere la tolleranza al glutine prolungata.

Segui la nostra pagina Facebook!