Tappa incredibile quella con Mortirolo, Stelvio e Giogo Santa Maria nella sedicesima frazione del Giro d'Italia. Va a vincere finalmente un italiano e per la gioia di tutti è quello più atteso, Vincenzo Nibali (Bahrein-Merida), che dopo aver fatto lavorare Franco Pellizzotti sull'ultima salita di giornata, è riuscito a selezionare il gruppo rimanendo solamente con Quintana, Zakarin e Pozzovivo, tutti e tre davvero in un ottima condizione.

Pubblicità
Pubblicità

Lo Squalo dello stretto è riuscito a fare il vuoto nei 20 chilometri finali tutti in discesa, dove i suoi compagni di avventura non sono stati in grado di seguirne il passo. Andato a riprendere il basco della Sky Mikel Landa, ha vinto addirittura lo sprint anticipandolo di pochi metri. Dietro i due, è arrivato il colombiano Nairo Quintana (Movistar), che recupera così tantissimi secondi sulla maglia rosa Tom Dumoulin (Sunweb), giunto a 2' a causa di un problema intestinale che lo ha costretto a fermarsi per espletare i suoi bisogni fisiologici.

Pubblicità

Sedicesima tappa del Giro d'Italia, gli altri piazzamenti

Quarto posto per un grandissimo Domenico Pozzovivo (AG2R), arrivato a 24 secondi dopo una bellissima scalata nel territorio svizzero davanti a Ilnur Zakarin (Katusha), che ha perso le ruote dello scalatore lucano dopo lo scollinamento: dopo la caduta dello scorso anno nella discesa dal Colle dell'Agnello, il russo probabilmente ha perso un po' di sicurezza quando la strada scende.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Ciclismo

Sesto un ottimo Davide Formolo (Cannondale): anche lui ha provato a rispondere a Nibali, ma purtroppo non è riuscito a tenere la velocità che il siciliano stava imprimendo, ha allungato in discesa arrivando 10" davanti ad un gruppo più folto comprendente Bauke Mollema (Trek-Segafredo), Bob Jungels (Quickstep-Floors), Adam Yates (Orica-Scott) e Thibaut Pinot (FDJ) il grande sconfitto di oggi.

Classifica generale rivoluzionata

In testa alla classifica generale, nonostante i problemi intestinali, rimane Dumoulin con un vantaggio di 31 secondi su Quintana, il quale, grazie anche agli abbuoni, recupera moltissimo sulla maglia rosa.

Scala una posizione Vincenzo Nibali che si porta a 1'12" scavalcando Thibaut Pinot ora a 2'38" dal leader della corsa. Ammirevole la sesta posizione di Pozzovivo subito dietro a Zakarin e la dodicesima di Davide Formolo.

Domani c'è spazio per respirare

Diciassettesima tappa da Tirano a Canazei, con Aprica e Tonale da scalare nei primi 60 chilometri, poi un continuo salire negli ultimi 100 km ma è un falsopiano che porterà all'arrivo.

Pubblicità

Non dovrebbero esserci quindi i presupposti per mettere in difficoltà la maglia rosa.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto