roger Federer, il Re del Tennis ha battuto in finale nel torneo tedesco di Halle in due set in modo rapido il giovanissimo Alexander Zverev con il punteggio di 6-1 6-3 in soli 52 minuti.

E' stata una finale molto attesa, dalle tante pretese per vedere una partita lottata fino all'ultimo punto, ma non è stata proprio così. Uno Zverev molto preso dalla tensione non ha saputo minimamente impensierire Federer in tutto il match portando a casa solamente 4 game.

Guardando i precedenti tra i due giocatori c'era stato un perfetto equilibrio con una vittoria a testa, nel 2016 sulla terra battuta di Roma vinse lo svizzero mentre ad Halle vinse il tedesco in 3 set.

Una carriera longeva e ricca per lo svizzero

Per Federer quest'ultimo torneo conquistato è il 92° titolo ATP in carriera; ora lo svizzero punta il tanto prestigioso torneo di Wimbledon presentandosi a questo punto da super favorito.

E' stata una vera e propria lezione di tennis che King Roger ha voluto mostrare al tedesco, numero 12 del raking mondiale. In scioltezza e in totale sicurezza nei sui turni di battuta ha lasciato pochissimi punti a Zverev in tutta la partita, ma anche nei turni di risposta Federer è stato impeccabile ed incisivo. Tanti i vincenti, attuando grandi variazioni che solo lui mostra di saper esprimere con grande facilità.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Tennis

Una facilità che col passare degli anni anzichè diminuire sembra aumentare a vista d'occhio.

Una vittoria voluta e cercata, Roger è entrato in campo e si è visto con una sola cosa in mente, vincere. Non importa chi ha di fronte, se un giovane o il numero 1, quando lo svizzero è in giornata sbaraglia i suoi avversari in modo alquanto imbarazzante, facendoli sembrare quasi dei principianti nei suoi confronti.

Per quanto riguarda il giovane tennista tedesco, ha mostrato oggi in campo tutte le sue lacune e quanta strada ancora debba fare per raggiungere i requisiti massimi di un numero 1. Erano non poche le aspettative su Zverev che però ha deluso mettendo in luce tutti i suoi limiti, soprattutto a livello tattico e mentale, perdendo anche punti sotto rete di "facile" intuizione. Male anche nel serve and volley e sulle palle lente che Federer gli ha concesso.

Nonostante Zverev giocasse in casa, una nota positiva va di diritto al pubblico tedesco che si è dimostrato rispettoso nei confronti di Federer, nonostante il giovane tedesco, almeno in patria, sia considerato uno dei più cristallini talenti in ascesa nel panorama internazionale.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto