"The last dance" è la conferma che lo sport può essere raccontato attraverso le Serie TV. E con che risultati: il prodotto che racconta l'epopea di Michael Jordan e dei Chicago Bulls nella stagione 1998 ha frantumato ogni record di visualizzazioni precedentemente detenuto da qualunque altro trasmesso su Netflix per gli abbonati italiani. Il documentario non è ancora stato interamente trasmesso (lunedì 18 usciranno le ultime due parti) ma i numeri diffusi dalla piattaforma di streaming a pagamento non lasciano dubbi. Il record di ascolti dimostra che i telespettatori si appassionano facilmente a queste storie che mescolano sport, storia e vita privata dei protagonisti.

Il regista ha saputo equilibrare i vari aspetti così da renderla una serie leggera e adatta a tutti.

Una serie da record

Il fenomeno Michael Jordan colpisce ancora. Nonostante abbia ormai da tempo abbandonato il campo da Basket, oggi si parla ancora molto di lui. E non solo per il suo glorioso passato di schiacciate e canestri.

Da poco tempo, sulla piattaforma Netflix, è uscita una nuova serie TV intitolata "The last dance" e creata da Michael Tollin per narrare della stagione NBA 1997-1998 dei Chicago Bulls, la squadra di Jordan. Ma sarebbe riduttivo descriverla così. Ambisce infatti ad essere un documentario, colmo di immagini inedite, di interviste ai protagonisti del tempo e a esperti e giornalisti.

Il tutto si sviluppa in dieci episodi (visibili in Italia due alla volta ogni settimana) di un'ora l'una, dove ogni volta viene analizzato un aspetto diverso, che si tratti di giocatori ( fra tutti Scottie Pippen, Dennis Rodman, Michael Jordan e il coach Phil Jackson), aneddoti o verità storiche sepolte sotto vent'anni di polvere.

Come già anticpato, la serie sta avendo straordinari risultati dal punto di vista degli ascolti, infatti è già prima in Italia fra le produzioni Netflix, posizionandosi davanti anche a La casa di carta. Si direbbe quindi azzeccata la scelta di far uscire questa opera in anticipo, infatti l'esordio era previsto nel mese di giugno, ma i produttori hanno ben pensato di sfruttare questa situazione al meglio.

Il sacrificio è stato, almeno in Italia, di dover rinunciare al doppiaggio, ma i risultati parlano chiaro: se una serie è bella poco importa se è tradotta o meno.

La storia di un mito

La storia dei Bulls campioni e di Michael Jordan parte da un po' più lontano, precisamente dall'estate del 1984. Il team di Chicago ha la terza scelta al Draft e optano proprio per il giovane ragazzo della University of North Carolina Chapel Hill del quale girava già qualche voce.

Fino alla stagione 1990-1991 il palmarès di MJ era pieno di record ( per quattro anni di fila miglior marcatore), ma vuoto di titoli. Lui era già a livelli strabilianti, certo, ma ciò non bastava per ottenere il tanto atteso anello. Pian piano il general manager Jerry Krause costruisce una squadra competitiva e decide di rimpiazzare mister Collins con Phil Jackson, il suo vice.

Nell'anno del primo titolo riescono a battere i Pistons, coi quali si era creata grande rivalità, e in finale i Los Angeles Lakers di Magic Johnson. La serie racconta numerose vicende accadute in questi anni, come l'episodio in cui i Pistons uscirono dalla partita senza salutare e stringere la mano agli avversari vittoriosi, oppure la gioia di Jordan, che lo porterà a piangere di felicità perché, come dice lui, era finalmente diventato uno dei grandi vincenti insieme a Magic Johnson e Larry Bird.

Nei primi episodi si approfondiscono le vite di Dennis Rodman e di Scottie Pippen. Il primo un classico genio e sregolatezza, fortissimo ma bisognoso di libertà, il secondo dedito al lavoro tanto da diventare una pedina fondamentale della squadra.

E che dire delle "vacanze" di Rodman a Las Vegas? Un patto fra lui ed il coach che ha funzionato benissimo, visto gli ottimi risultati ottenuti sul campo.

Segui la pagina Serie TV
Segui
Segui la pagina Basket
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!