Negli ultimi mesi, da quando ha lasciato la guida della nazionale italiana maschile di ciclismo, il nome di Davide Cassani viene quasi sempre associato a quello della Bardiani-CSF-Faizanè. L'ex commissario tecnico, che vanta una conoscenza assolutamente invidiabile del panorama ciclistico internazionale, sarebbe infatti stato coinvolto con l'obiettivo di contribuire a portare il team italiano all'interno del World Tour. Nelle ultime ore, Cassani ha rilasciato una intervista a RiminiToday dove ha confermato l'esistenza di un progetto.

'Sogno ricorrente, ma un conto sono i sogni e un altro conto è la realtà'

Davide Cassani, in particolare, ha definito la possibilità di vedere la Bardiani nel World Tour come un "sogno ricorrente", volendo comunque mantenere i piedi per terra e aggiungendo come un conto siano i sogni e un altro conto sia "la realtà". Riuscire a riportare un team italiano nel World Tour, infatti, è definito dall'ex ct come un obiettivo "non semplice". Nonostante questo, Cassani ha comunque voluto confermare di essere "alla finestra", confermando l'esistenza di un progetto che "potrebbe anche prendere piede".

Per farlo, Davide ha voluto sottolineare come sia necessario "riunire le forze", definendo il tutto come un ragionamento "non a breve termine e ampio".

L'ex allenatore della nazionale ha comunque confermato il suo interesse e coinvolgimento nella questione, pur senza entrare nei dettagli. Non si sa, ad esempio, che ruolo potrebbe ricoprire nel team Cassani, anche se un uomo del suo spessore sicuramente attirerebbe molte attenzioni dal punto di vista degli sponsor.

Davide Cassani e la 'benedizione' a Lorenzo Fortunato: 'Può arrivare lontano'

L'ex allenatore ha voluto anche parlare del prossimo Giro d'Italia, previsto nel mese di maggio. In particolare, Cassani ha commentato le defezioni di Sonny Colbrelli, Damiano Caruso e Filippo Ganna. Sul primo l'ex ct ha voluto sottolineare come "avrebbe potuto dire la sua", mentre Ganna "avrebbe potuto ambire a qualche tappa".

Per quanto riguarda Caruso, invece, Cassani ha voluto ricordare come il corridore avrebbe preso parte al Giro con "grande piacere".

Nonostante le assenze pesanti, l'ex ct si è detto positivo sul fatto che il Ciclismo italiano verrà comunque ben rappresentato durante la prossima corsa rosa. In particolare sono tre i nomi dei corridori che Cassani ha invitato a tenere d'occhio. Il primo è Giulio Ciccone, che per Davide potrebbe anche fare classifica. Stesso discorso vale per Vincenzo Nibali, definito una "garanzia" nonostante l'età. Infine, Cassani ha voluto dare la propria benedizione a Lorenzo Fortunato, che dopo la vittoria sullo Zoncolan ha "le caratteristiche per essere uomo classifica" e che per questo "può arrivare lontano".