Tassa Iuc 2014, Tasi, Tari e imu compongono la nuova service Tax, basata da un lato sul possesso di immobili e dall'altro sul pagamento di servizi comunali. Ovvero abbiamo nella tassa IUC l'IMU sugli immobili, la Tari sui rifiuti e la Tasi sui servizi indivisibili.

Per la IUC 2014 la Tari va a considerare le superfici che sono state dichiarate per i prelievi dei rifiuti. L'IMU non andrà pagata sulla prima casa, escluse abitazioni di lusso (per i casi particolari si faccia riferimento alla legge 133).

Per la tassa IUC 2014, per Tasi, Tari e IMU, le scadenze sono le seguenti: per l'IMU il 16 giugno e il 16 dicembre 2014, per Tasi e Tari due rate, quindi due scadenze, con termini stabiliti a seconda del comune (vi è la possibilità che siano diversi per una tassa e per l'altra), con possibile pagamento in unica soluzione il 16 giugno.

Altra grande questione in merito alla tassa IUC 2014 è sulle aliquote Tasi: l'incremento delle aliquote Tasi e Imu sarà possibile da parte dei comuni tra lo 0,1 e lo 0,8 per mille, e le amministrazioni sceglieranno come ripartire l'incremento tra le tasse. Tuttavia tali aumenti potranno essere decisi se volti poi a finanziare detrazioni per le fasce più deboli della cittadinanza. Per un quadro più completo delle aliquote e delle detrazioni per la Tasi 2014 rimandiamo al precedente articolo. Ricordiamo tuttavia che la discussione politica su aliquote e pagamenti delle varie componenti della tassa IUC 2014, ovvero Tasi, Tari e IMU, è ancora aperta: non sono da escludere ulteriori novità nel prossimo futuro.