Arrivano nei mesi di aprile e maggio 2014 importanti scadenze in materia fiscale. Gli impegni riguarderanno sia le società che le persone fisiche: dal versamento dell'IMU per gli immobili di categoria D al deposito del modello 730 per il personale dipendente e per i pensionati. Vi sono però anche scadenze favorevoli al cittadino come la richiesta di rimborso Irap che può essere presentata entro maggio.

Calendario aprile-maggio scadenze fiscali 2014

2 aprile - In tale data deve essere liquidata l'IMU relativa ai capannoni industriali, terreni fabbricabili ed altri bene immobili inquadrati nella categoria D.

16 aprile - Liquidazione mensile dell'IVA, versamento dei contributi previdenziali (pers.

Dipendente e gestione separata) di competenza del mese pretendete utilizzando il modello F24.

30 aprile - In tale data abbiamo 2 scadenze importanti; la prima riguarda i Bilanci delle società che passati i fatidici 120 giorni dalla chiusura dell'esercizio (se corrisponde al 31/12) devono presentare il Bilancio d'esercizio seguendo le norme del Codice Civile. La seconda scadenza riguarda la consegna del modello 730 al proprio datore di lavoro oppure all'ente di previdenza.

Maggio - Dopo i 30 giorni dall'approvazione del Bilancio da parte delle società di capitali, esse devono depositare presso L'ufficio delle Imprese tutti i documenti che compongono il Bilancio Completo (Nota Integrativa, Conto Economo, Stato Patrimoniale)ed anche eventuali allegati come ad esempio la Relazione del Collegio Sindacale.

I migliori video del giorno

16 maggio - Liquidazione dell'IVA trimestrale e mensile attraverso il modello F24. Consegna modello 730 per i soggetti che si avvalgono di assistenza fiscale. Liquidazione ritenute alla fonte di competenza del mese precedente.

31 maggio - Richiesta di rimborso dell'Imposta Irap o eventuale rettifica della stessa se presentata già massimo 60 giorni prima. Rinnovo dei contratti di locazione per i soggetti che non utilizzano il regime fiscale della cedolare secca e il relativo versamento dell'imposta di registro pari al 2% del canone annuo d'affitto; il versamento va fatto utilizzando il modello F23.