In concomitanza con l’avvicinarsi della stagione dichiarativa, l’Agenzia delle Entrate ha provveduto ad aggiornare il proprio sito internet riportando le novità introdotte in seguito al provvedimento varato in data 10 marzo 2014. Sullo stesso sito, all’interno dell’area a ciò dedicata, è possibile effettuare il download dei moduli per il 730 2014 previa consultazione delle istruzioni utili alla compilazione del modello stesso (il relativo file è disponibile sempre sul sito dell’Agenzia delle Entrate).



In questa sede tracceremo un sintetico profilo concernente il modello 730 2014, concentrandoci su compilazione, detrazioni, compensazioni, scadenza, documenti necessari e info diffuse dalla stessa Agenzia delle Entrate.



Modello 730 2014: compilazione, detrazioni, compensazioni, documenti necessari, scadenza e info Agenzia delle Entrate



Per quel che concerne la compilazione del modello 730 2014, iniziamo subito col dire che non risulta semplice ed intuitiva, con ciò consigliando di scaricare il modulo contenente le istruzioni disponibile sul sito ufficiale dell’Agenzia delle Entrate; il modello 730 2014 va presentato entro il 30 aprile 2014 al proprio datore di lavoro o ente pensionistico oppure entro il 31 maggio 2014 presso un qualsiasi centro CAF.



Per quel che concerne i documenti necessari per la presentazione del modello 730 2014, risulta invece obbligatorio consegnare il Cud rilasciato dal datore di lavoro o dall'ente pensionistico e le altre certificazioni di ritenute, le certificazioni fiscali delle spese sostenute nel 2013 che possano essere deducibili o detraibili e i documenti che attestino il saldo degli acconti d’imposta operato dal contribuente in via autonoma.



Estremamente corposo anche il capitolo connesso alle nuove detrazioni da dover tenere a mente:



  • Detrazione del 50% sull'imposta per un massimo di 100.000 euro per l’atto di acquisizione di mobili e elettrodomestici di classe non inferiore alla A+;



  • Detrazione del 65% per un massimo di 96.000 euro per interventi di messa in sicurezza dei propri immobili;



  • Detrazioni per figli a carico, che ammontano a 950 euro per i figli che hanno compiuto 3 anni e a 1.220 euro per i figli che non abbiano raggiunto tale soglia. Quanto ai figli disabili, le detrazioni aumentano considerevolmente passando da 220 a 400 euro.

Si è infine optato per l’ammissione dello strumento della compensazione tra i crediti scaturiti da modello 730 e ulteriori imposte previste nel modello F24.



Restando sempre in tema di tasse, importanti novità sono state introdotte anche con riferimento all’IRPEF 2014, sebbene se il tutto verrà dettagliato tramite decreto attuativo alla fine di aprile.



Tutto fatto invece con riferimento alla Tasi 2014, con il governo Renzi ad aver optato per l’incremento delle aliquote prima e seconda casa.