Su diversi siti internet è possibile trovare le rendite catastali degli immobili per il pagamento della prima rata Tasi e imu 2014. È possibile anche calcolare attraverso un software specifico l'acconto delle tasse in questione grazie ad un simulatore sempre presente on line.

Vediamo nel dettaglio come si deve procedere per calcolare la tassa sui siti internet specializzati, senza rivolgersi obbligatoriamente ai Caf o ai professionisti del settore. Entrati nel sito, si dovrà cliccare sul tipo di immobile per il quale si deve effettuare il calcolo. Poi, si dovrà inserire l'aliquota di riferimento del comune dove è presente l'immobile, eventuali detrazioni, dopodiché il calcolatore farà il calcolo richiesto.

Il calcolo partirà dalla rendita catastale dell'immobile che sarà rivalutata del 5%. Il risultato sarà moltiplicato per il coefficiente dell'immobile in questione (ad esempio per le abitazioni il coefficiente è 160). Al valore ottenuto si dovrà applicare le aliquote di riferimento.

Le aliquote saranno definite dai comuni in funzione della tipologia dell'immobile per il quale si deve pagare la tassa (prima casa, seconda casa, ecc.). Si può passare dal 3,3 per mille per l'abitazione principale all'11,4 per mille per le seconde case. Quando il calcolo sarà evidenziato dal calcolatore si potrà procedere al pagamento attraverso i bollettini postali oppure il modello F24. In quest'ultimo caso dobbiamo ricordarci di inserire il codice tributo relativo all'immobile per il quale si deve effettuare il versamento.

I migliori video del giorno