Autunno colmo di scadenze fiscali per gli italiani, obbligati a saldare le tranches TASI, TARI ed IMU, imposte che riguardano rispettivamente servizi indivisibili, rifiuti e possessori di seconde case (o prime di lusso). Ecco tutte le scadenze ed alcune informazioni utili per il calcolo delle somme.

TASI 2014: scadenze ed informazioni utili per il calcolo.

Il Tributo sui servizi indivisibili (TASI) è una tassa introdotta in Italia dopo la recente Legge di Stabilità che graverà su detentori e possessori di abitazioni e fabbricati. Le scadenze per il pagamento della tassa si dividono in base al comune di appartenenza: dove la delibera è stata effettuata entro lo scorso 23 maggio è infatti già stata pagato l’acconto mentre la seconda parte del debito dovrà essere saldata non oltre il prossimo 16 dicembre. Per tutti gli altri la data di scadenza del pagamento della prima tranche (acconto del 50%) è fissata per il 16 ottobre 2014; per il saldo finale si avrà invece tempo fino al 16 dicembre.

Si ricorda che per tutti le abitazioni principali l’aliquota è fissata allo 0.25% mentre per le altre categorie catastali allo 0.10%. (questa percentuale dovrà essere applicata alla base imponibile).

TARI 2014: scadenze ed informazioni utili per il calcolo.

Per il pagamento della TARI 2014 (ex Tares), molto dipenderà dalle singole delibere comunali: le date di pagamento (avverrà in due momenti differenti entro fine 2014) e gli importi dovuti saranno inviati presso i domicili dei vari cittadini italiani e dovranno essere pagati attraverso modello F24. La tassa sui rifiuti terrà conto sia della metratura dell’immobile in possesso sia della superficie calpestabili, del numero di persone che lo abitano e della dimensione complessiva.

IMU 2014: scadenze ed informazioni utili calcolo.

L’IMU, tassa che grava sulle seconde case e su tutte le prime abitazioni di lusso, dovrà essere saldata definitivamente entro e non oltre il 16 dicembre 2014; il calcolo della cifra da pagare dovrà tenere conto dell’imposta ricalcolata per l’intero anno e della detrazione per l’ammontare già pagato durante il mese di giugno.

I migliori video del giorno