Quali sono le aliquote Tasi 2014 a Palermo, Bari, Firenze e Catania? E le detrazioni ed esenzioni Tasi disposte dai quattro grandi comuni italiani? Per tutte le città indicate la scadenza per il pagamento della rata d'acconto della tassa sui servizi è fissata a domani, 16 ottobre, proponiamo quindi una serie di informazioni essenziali per procedere al pagamento dell'importo dovuto senza commettere errori. Nel comune di Palermo l'aliquota Tasi sulla prima casa è al 2,89 per mille, le detrazioni Tasi a palermo sono inoltre strutturate come segue: cento euro per immobili con rendita catastale che non sorpassi la soglia dei trecento euro, 50 euro di detrazione per le case con rendita fino a un massimo di 400 euro e poi 20 euro di detrazione, a Palermo, per ciascun figlio minorenne o ciascun figlio disabile senza limitazioni relative all'età del soggetto.

Nel comune di Firenze la Tasi 2014 ha aliquota sull'abitazione principale al 3,3 per mille; a seconda di figli e rendite catastali troviamo tuttavia a Firenze delle detrazioni Tasi molto cospicue: si parla di 170 euro per immobili la cui rendita catastale non supera i 300 euro, di 140 euro per rendite tra i 300 e i 500 euro, di 100 euro per rendite tra 500 e 700 euro, di 70 euro per rendite fino a mille euro e di 30 euro per rendite catastali fino a 1200 euro; a tale schema di sconti si aggiungono 25 euro di detrazioni per i figli con età inferiore ai 26 anni. Nel comune di Bari la Tasi ha aliquota sull'abitazione principale fissata sempre al massimo consentito dalla legge, ovvero al 3,3 per mille, ma occorre considerare che nel comune di Bari le detrazioni Tasi sono pari a 100 euro fissi per tutti i contribuenti con ISEE compreso tra i 10 e i 15 mila euro, e che invece abbiamo delle esenzioni Tasi per i cittadini il cui ISEE non sia maggiore di 10 mila euro.

I migliori video del giorno

L'aliquota Tasi a Catania è stata decisa dal comune, in merito alla prima casa, al 3,3 per mille, con detrazioni per i contribuenti in possesso di abitazioni che rientrano nelle categorie catastali A/2 e A/3. Importanti esenzioni Tasi a Catania sono inoltre state deliberate dal comune per i contribuenti che possiedono case nelle categorie catastali A/4, A/5 e A/6.

Ma dove trovare la delibera Tasi per Palermo, Firenze, Catania e Bari? Tali delibere sono raccolte e liberamente consultabili, come quelle di tutti gli altri comuni italiani che hanno deliberato, sul sito ufficiale del Ministero dell'economia e delle finanze; si potranno quindi leggere le delibere complete collegandosi al sito Finanze.it e da lì alla sezione Fiscalità Locale. Ricordiamo che nei comuni citati la rata d'acconto si paga entro domani per non incorrere in sanzioni e interessi da corrispondere, e che tanto a Palermo quanto a Firenze, Bari e Catania, la seconda rata Tasi andrà pagata entro il prossimo sedici dicembre, versando la metà dell'importo complessivo dovuto per l'anno 2014. Sarà possibile effettuare il versamento con bollettino postale, F24 e Home Banking.