Si avvicina la scadenza per pagare l'acconto #Tasi per il 2014 che è fissata per il 16 ottobre e sono molte le perplessità dei cittadini italiani dovute alla confusione per le modalità di calcolo e per quali parametri bisogna tenere in considerazione per avere le detrazioni previste dell' acconto Tasi. I contribuenti hanno sostanzialmente due strade per pagare per la TASI: possono rivolgersi ad un Caf o a un commercialista che li guiderà nel calcolo oppure possono provare a calcolare la Tasi da soli attraverso dei software appositi che si trovano online. Se si hanno tutti i parametri sotto mano calcolare la Tasi online è abbastanza semplice in quanto, dopo aver compilato i campi appositi questi simulatori forniscono anche il modello F24 già compilato e pronto da stampare.

Se volete compilare la Tasi online occorre comunque una guida per evitare errori nel conteggio. Come abbiamo detto in precedenza esistono nel web dei software telematici che aiutano l'utente a calcolare il suo importo TASI, tra i tanti il più affidabile è quello di "amministrazionicomunali.it" che permette di fare il calcolo in sicurezza e senza grossi rischi.

Guida su come compilare l'acconto e il saldo online e modello F24

Prima di tutto occorre inserire la tipologia d'immobile con i relativi codici catastali, poi occorre indicare se si tratta di prima casa o di seconda casa, e si procede alla compilazione dei rispettivi campi. Negli spazi dedicati alla locazione occorre indicare la quota di TASI a carico dell'inquilino, deliberata dal Comune, se l'amministrazione non avesse deliberato la quota inquilino si applica il 10% standard.

I migliori video del giorno

Nei casi in cui ci sono diversi inquilini, ognuno pagherà la sua quota. Superati questi campi occorre indicare la rendita catastale che trovate nel rogito o nelle visure rilasciate dal Comune o dall' Agenzia delle Entrate. Dopo occorre inserire l'aliquota prevista dal proprio Comune, se non si conosce potete collegarvi con il Dipartimento delle Finanze, andare nella sezione "cerca la delibera" e scaricare la delibera che v'interessa con lo specchietto riassuntivo delle aliquote e delle detrazioni. Ricordiamo che le aliquote massime per la prima casa sono lo 0,33% a cui si devono togliere le possibili detrazioni e per le prime case di lusso lo 0,6%. Sono considerati immobili di lusso tutti quelli che ricadono nelle categorie catastali A1, A8 e A9. Inserita la propria quota di proprietà e mesi di possesso dell'immobile, occorre inserire il numero delle pertinenze possedute. Sulle pertinenze viene applicata la stessa aliquota prima casa Tasi fino a un massimo di tre unità solo se ricadono in categoria C2, C6 e C7.

Poi e la volta delle detrazioni che previste dal Comune, le maggiori tipologie di detrazione sono quelle per numero di figli a carico e per rendita catastale. Inseriti tutti i campi, correttamente, il software online mette a diposizione il modello F24 già precompilato, attraverso la funzione stampa lo potrete stampare e recarvi in un qualsiasi ufficio postale o sportello bancario per provvedere al pagamento dell' acconto Tasi 2014.