Il #modello 730 2015 entra nel suo periodo più importante: quello del calcolo. Quest'anno si inizia la sperimentazione del 730 precompilato, di cui ancora si sa veramente poco. Ad ogni modo, un dato certo è che non conterrà tutte le spese detraibili, per cui sarà necessarie aggiungerle successivamente. La domanda dei contribuenti è sempre la stessa ogni anno: cosa è possibile detrarre o dedurre per pagare meno Irpef? Di seguito facciano un elenco di tutte le detrazioni che è possibile applicare al modello 730 2015.

Modello 730 2015: spese personali e familiari

Tra le spese detraibili dalla #Dichiarazione dei redditi vi sono:

  • Spese scolastiche e universitarie.
  • Soggiorni all'estero.
  • Spese per Master.
  • Spese per asili nidi (anche privati).
  • Spese veterinarie e per l'acquisto di animali da accompagnamento, nella misura del 19%.
  • Riscatto Laurea.
  • Spese per funerali.
  • Spese mediche personali e per i familiari a carico, nella misura del 19% (medicine, interventi e i portatori di handicap). L'importo massimo è di 6.197,48 euro.
  • Spese sportive, nella misura del 19% le spese costi per palestre, ginnastica posturale, yoga e simili, necessarie per la salute. L'importo massimo è di 210 euro.
  • Premi assicurativi personali e dei familiari a carico.
  • Spese assicurative (SSN).
  • Assegni di mantenimento per il coniuge (non per figli a carico).
  • Spese effettuate per un'adozione internazionale.
  • Contributi previdenziali e assistenziali obbligatori e facoltativi.
  • Erogazioni volontarie verso alcuni enti ONLUS, partiti politici o istituti scolastici, inclusi in un elenco specifico.
  • Canone di locazione per gli studenti: chi studia fuori sede (oltre i 100 Km dalla residenza) può dedurre nel limite di 2.633 euro le spese di affitto.
  • Spese per colf e badanti deducibili (compresi i contributi versati).
  • Spese di acquisto di beni mobili o immobili ad alta efficienza energetica.
  • Spese di riqualificazione energetica nella misura del 55% e di ristrutturazione nella misura del 36%.
  • Internet.
  • Spese per macchinari specifici come macchine agricole, rimorchi e semirimorchi, ecc.
  • Spese per SSN degli autotrasportatori.
  • Abbonamenti ai trasporti pubblici per massimo 250 euro l'anno.
  • Detrazioni per l'aggiornamento e la formazione dei docenti, per massimo 500 euro.
  • Costi di acquisto per veicoli dedicati ai portatori di Handicap nella misura massima di € 18.075,99.
  • Detrazione della rendita catastale dell'abitazione principale.
  • Spese per interessi passivi di mutuo, per un massimo di 4mila euro per l'abitazione principale e 2.065,83 euro per le altre.
  • Spese per provvigioni di intermediazione immobiliare.