Questi sono gli ultimissimi giorni per la comunicazione dei dati all'agenzia delle entrate per quanto riguarda il cosiddetto Spesometro 2015. Il 10 aprile è infatti la scadenza ultima per l'invio degli elementi rilevanti ai fini dell'Iva riguardo le spese effettuate nell'anno solare 2014. Da ricordare è che il 10 aprile è la scadenza per coloro che sono soliti liquidare l'IVA mensilmente, mentre il 20 aprile è la scadenza per coloro che la liquidano ogni tre mesi. In questo articolo definiremo quali sono le spese da comunicare e quali sono le procedure per l'invio all'Agenzia delle Entrate.

Spesometro 2015, scadenza 10 aprile: i dati da comunicare all'Agenzia delle Entrate

Per quanto riguarda lo Spesometro 2015, quali sono le operazioni da comunicare all'Agenzia delle Entrate?

  • ogni cessione di bene o prestazione per la quale è d'obbligo emettere la fattura, la novità è che riguarderà ogni importo
  • ogni cessione di bene o prestazione per la quale non è d'obbligo emettere la fattura, ma il cui importo è di 3.600 euro lordi o superiore
  • ogni operazione in contante legata al turismo e d'importo di 1000 euro o superiore effettuata nei confronti di persone fisiche che non abbiano la cittadinanza italiana

Chi è esonerato, invece, dalla comunicazione dei dati dello Spesometro 2015? In primo luogo le amministrazioni pubbliche, ma anche i commercianti al minuto, contribuenti che utilizzano il Regime dei Minimi, ed infine le agenzie di viaggio e gli operatori del turismo.

Per le prime tre categorie, non è necessario presentare le spese inferiori ai 3000 euro, per le agenzie di viaggio le spese inferiori a 1000 euro.

Spesometro 2015, scadenza 10 aprile: come comunicare i dati all'Agenzia delle Entrate

L'invio dei dati per lo Spesometro 2015 può essere effettuata esclusivamente attraverso procedura online, mediante i servizi Fisconline e Entratel del sito dell'Agenzia delle Entrate. È possibile l'invio in forma "analitica" o "aggregata".

  • Per la forma "analitica" occorre compilare i riquadri FE e FR concernenti le fatture e poi, a seconda della propria situazione, i riquadri DF, FN, SE e TU.
  • Per la forma "aggregata" occorre compilare il riquadro FA o SA, a seconda se con fattura o senza, e il riquadro BL.

È tutto con le informazioni riguardanti la scadenza e le modalità di invio all'Agenzia delle Entrate per lo Spesometro 2015.

I migliori video del giorno

Per ricevere aggiornamenti sulla materia fiscale e sulle questioni di politica economica, vi suggeriamo di cliccare su "Segui" sopra il titolo dell'articolo.