Interessanti novità arrivano per quello che concerne il pagamento del #Canone Rai 2016. Questo come ormai tutti sanno, per la prima volta nella storia si pagherà direttamente in bolletta della luce, in 6 rate da 16,66 euro a bimestre. Si tratta di un provvedimento che verrà inserito nella prossima legge di stabilità, fortemente voluto dal Presidente del Consiglio in carica Matteo Renzi, allo scopo di ridurre drasticamente l'elevata evasione dal pagamento di questa tassa, evasione che si aggira intorno al 30%. Il pagamento da quest'anno avverrà con un leggero sconto, non si pagheranno più infatti 113,5 euro ma bensì 100 euro. Somma che dovrebbe ulteriormente ridursi negli anni avvenire.

Queste almeno sono le speranze del Premier Matteo Renzi. 

Trovato un escamotage per non pagare il canone?

Secondo 'Il Giornale.it', in base al testo prodotto fino ad ora dal Governo, circa la nuova normativa relativa al pagamento del Canone Rai 2016, esisterebbe un modo per non pagare il Canone. Questo sarebbe quello di non possedere alcun televisore in casa. Infatti il testo provvisorio del provvedimento, non conterrebbe al momento alcun riferimento alla visione dei programmi Rai attraverso Pc, Smartphone o Tablet. Dunque al momento la visione di programmi Rai in streaming non dovrebbe comportare l'obbligo di pagamento del Canone. Questo in quanto si tratta di una tassa di possesso, che riguarda appunto il possesso di un apparecchio televisivo e non di altri strumenti. 

Il testo potrebbe essere modificato ulteriormente prima della sua approvazione

Ovviamente si tratta di una bozza di testo, che potrebbe tranquillamente venire modificata in corso d'opera.

I migliori video del giorno

Dunque l'indiscrezione su come non pagarlo deve essere presa col beneficio d'inventario, in attesa che il provvedimento venga approvato definitivamente. Non resta dunque che aspettare e vedere cosa accadrà nelle prossime settimane. In attesa ricordiamo che le multe per gli evasori dovrebbero essere salatissime, si parla di sanzioni con importo di 500 euro.