I contribuenti avranno più tempo per presentare la richiesta di essere esonerati dal pagamento del canone televisivo. Con il provvedimento del 21 aprile 2016, l'agenzia delle entrate ha prorogato fino al 16 maggio 2016 il termine entro il quale bisogna presentare la dichiarazione di non detenzione tv per essere esentati dal pagamento del canone. La dichiarazione può essere inviata sia in forma cartacea che tramite internet ed ha effetto per tutto il canone dell'anno 2016. La dichiarazione presentata entro il 30 giugno 2016 sarà valida per il secondo semestre dell'anno e quella presentata dal 1 luglio 2016 al 31 gennaio 2017 varrà per il canone dovuto per l'anno 2017.

Aggiornamenti per non pagare il canone tv

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha aggiornato anche i requisiti dell'apparecchio televisivo in relazione al pagamento o meno del canone tv. A partire da luglio 2016 le imprese che erogano l'energia elettrica dovranno fatturare correttamente ai contribuenti il canone oppure no. Secondo le ultime leggi, il canone tv verrà inserito nella bolletta della luce e l'aggiornamento dell'Agenzia delle Entrate è stato emanato per uniformarsi alla definizione di apparecchio televisivo contenuta nella nuova nota del Ministero dello Sviluppo Economico. Le dichiarazioni di non detenzione che sono già state presentate restano comunque valide, ma per le successive bisognerà tenere in considerazione le novità del Ministero e proprio per questo motivo il termine ultimo è stato prorogato al 16 maggio 2016.

I migliori video del giorno

Come presentare la dichiarazione sostitutiva di non detenzione tv

Sono molte le domande dei contribuenti relative all'esenzione dal pagamento del canone televisivo e per trovare tutte le risposte è sufficiente recarsi sul sito dell'Agenzia delle Entrate. Le FAQ relative al canone tv si trovano nella sezione che cosa devi fare, richiedere, canone tv, esempi di compilazione. Qui è possibile trovare tutti i chiarimenti per compilare la dichiarazione sostitutiva e le domande sono aggiornate costantemente in base alle proposte inviate dai contribuenti.