Disdire l’abbonamento Rai è possibile se non si detiene nessun apparecchio televisivo, ma è necessario fare richiesta per l'esenzione del pagamento. Sarà importante collegarsi al sito Rai o dell'Agenzia delle Entrate per consultare il possesso di tutti i presupposti per non pagare il Canone, evitando così di incorrere in sanzioni o in dichiarazioni mendaci. Di seguito alcune info brevi a cui si rimanda con i link indicati per avere maggiori informazioni in relazione alla propria posizione personale o presenza di più proprietari nella stessa abitazione con fornitura di energia elettrica e dunque interessati al pagamento del Canone Rai; compilazione del Quadro A interessato alla richiesta di disdetta dell'abbonamento a seguito della non detenzione dell'apparecchio televisivo.

Attenzione però alle dichiarazione mendaci: la domanda deve sempre superare la presunzione di detenzione.

Dichiarazione sostitutiva di non detenzione

Sono in molti ad aver pensato di non corrispondere il Canone Rai per la mancata fruizione dell'apparecchio televisivo. In realtà vi sono delle modifiche al provvedimento di pagamento dell'abbonamento. Non è infatti più prevista la possibilità di inoltrare richiesta di disdetta con successivo suggellamento del televisore. Solo nel caso in cui l'utente titolare di un’utenza di fornitura di energia elettrica per uso domestico residenziale non sia più in possesso di nessun apparecchio televisivo può presentare il modello di dichiarazione sostituiva di non detenzione disposto nel sito dell'Agenzia delle Entrate nella sezione dedicata al Canone Rai o al sito della Rai http://www.canone.rai.it/ La Dichiarazione sostitutiva per essere esonerati dal pagamento del canone di abbonamento alla televisione costituisce il solo metodo per non corrispondere la tassa http://www.agenziaentrate.gov.it/wps/content/nsilib/nsi/home/cosadevifare/richiedere/canone+rai

Chi può presentare la dichiarazione di non detenzione 

I titolari di utenza elettrica ad uso domestico residenziale che non siano in possesso di apparecchio televisivo.

I migliori video del giorno

Il modello di dichiarazione sostitutiva di non detenzione deve essere inoltrata a nome proprio o in qualità di erede di soggetto deceduto a cui ancora intestata la fornitura di energia elettrica. Attenzione però alla domanda, che deve necessariamente superare la condizione di presunzione di detenzione di apparecchi tv. Per questo motivo l'utente titolare di fornitura elettrica deve inoltrare dichiarazione relativa al Canone di abbonamento al televisore per uso privato dopo aver compilato il Quadro A dello stesso su uno dei siti indicati quali www.agenziaentrate.gov.it, www.finanze.gov.it e/o www.canone.rai.it. In allegato all'immagine dell'articolo uno screenshot utile a farsi un'idea del documento da utilizzare per l'istanza.

Come si deve presentare la dichiarazione di non detenzione?

Come indicato sopra, il contribuente deve collegarsi a uno dei siti preposti per la presentazione della domanda di disdetta dell'abbonamento/Canone Rai e compilare apposita domanda con la compilazione del Quadro A.

Nel sito vi è un'applicazione disposta per l'inoltro della richieste. È anche possibile però, per chi non è pratico del web o non ne ha la possibilità, rivolgersi ad un Caf convenzionato o a un libero professionista. La data di presentazione della richiesta sarà quella indicata dalla ricevuta rilasciata dalla Agenzia delle Entrate - se la dichiarazione di non detenzione di apparecchio Tv è eseguita dal wb - o viceversa dal Caf a cui ci si rivolge per l'espletamento della richiesta. Altro metodo di presentazione della domanda di disdetta tramite la dichiarazione, è quello di inviare tramite posta al Sat - c.p.22 Torino, a mezzo plico raccomandato senza busta unitamente a copia di documento di identità, con data di inoltro domanda del timbro postale. Se desiderate ancora seguirci, cliccate su 'Segui' in alto alla vostra sinistra, e/o votate la news cliccando su una delle 5 stelle in alto alla vostra destra.