Tocca e Paga. Quanti di voi l'hanno notata nel proprio telefono, o almeno ne hanno sentito parlare di questa funzione? Tale funzione permette di pagare comodamente via wireless con il proprio smartphone, avvicinando semplicemente il nostro cellulare ai POS abilitati. Già da ora è possibile pagare nelle principali strutture commerciali, avvicinando il nostro bancomat o carta prepagata senza dover digitare il codice segreto.

Il tutto avviene con molta rapidità, basta avvicinare la nostra carta (se abilitata) ai POS dotati di tale funzione per un paio di secondi ed ecco che viene eseguito istantaneamente il pagamento.

La modalità Tocca e Paga tramite smartphone Android attualmente è disponibile solo negli Stati Uniti con oltre 700mila negozi e 3 operatori telefonici: At&t, Verizon e T-Mobile. Anche in Italia oggi è possibile pagare tramite smartphone, ma solamente chi è dotato di una SIM con tecnologia NFC, e attualmente gli unici operatori disponibili che danno tale possibilità sono: Poste Mobile, TIM e Vodafone.

Google di pronta risposta, ha promesso che la funzionalità Tocca e Paga sarà disponibile entro fine anno anche in Italia e per tutti gli utenti dotati o meno di SIM con tecnologia NFC. Tale funzione sarà già predisposta con l'arrivo del nuovo sistema operativo Android M, ma per chi ha un sistema operativo Android antecedente basterà scaricare l'applicazione Google (quando sarà disponibile nel Play Store) "Hand Free" dentro la quale oltre ad altre funzioni conterrà anche la sezione Android Pay, un sistema di pagamento mobile basato sulla tecnologia NFC (quella già usata da Apple Pay).

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Google Android

Come spiegato in un video mostrato alla sessione di Google I/O a San Francisco, questa funzione permetterà di pagare comodamente in negozio senza neanche dover tirar fuori il telefono, ma pronunciando semplicemente il comando vocale "Voglio pagare con Google".

I test sono già iniziati e risultano promettenti dato che due grandi catene statunitensi lo hanno già accolto come sistema di pagamento alternativo.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto