Sono arrivate al centro di Canberra in Australia le prime eccezionali foto scattate dalla sonda New Horizons che il 14 luglio 2015 ha lambito il pianeta nano a una velocità di 14 chilometri al secondo. I primi a raccogliere i segnali provenienti dalla sonda New Horizons non sono stati infatti i tecnici della NASA, bensì gli esperti che lavorano al Canberra Deep Space Communication Complex (CDSCC) del CSIRO, che poi manderanno le immagini direttamente al Jet Propulsion Laboratory (JPL).

Silenzio radio con la Terra durante la fase di raccolta dati

Durante la fase di avvicinamento a Plutone la sonda New Horizons ha osservato una fase di silenzio radio per convogliare tutta la sua capacità di calcolo nell'osservazione e nella registrazione di dati provenienti dalle rilevazioni effettuate dalla strumentazione a bordo. Quando le comunicazioni sono tornate a regime, i dati arrivati a Terra nel giro di 4 ore e mezza e verranno elaborati dal CDSCC, che fa parte del Deep Space Network della NASA. CDSCC è una delle tre stazioni di monitoraggio in tutto il mondo in grado di fornire il vitale contatto radio di "andata e ritorno" con sonde come la New Horizons a tali incredibili distanze dalla Terra.

Le prime immagini dettagliate del "cuore" di Plutone

Le prime immagini dettagliate di Plutone riguardano la zona del cosiddetto "cuore" che si trova in basso rispetto all'osservazione fatta dalla sonda.

In realtà la foto è relativa alla zona equatoriale del pianeta nano. Nella foto ravvicinata sono visibili delle montagne ghiacciate alte circa 3500 metri. "Pluto New Horizons è una vera missione di esplorazione che ci mostra perché la ricerca scientifica di base è così importante", ha dichiarato John Grunsfeld, amministratore associato per Science Mission Directorate della NASA a Washington. "La missione ha avuto nove anni per costruire aspettative su ciò che vorremmo vedere durante l'avvicinamento a Plutone e Caronte. Oggi, si ottiene il primo prelievo del 'tesoro' di dati scientifici raccolti durante quei momenti critici e posso dirvi che superano di gran lunga le nostre aspettative."

Le dichiarazioni degli addetti ai lavori sui primi dati raccolti

"Home Run!" ha detto Alan Stern, ricercatore principale per New Horizons presso il Southwest Research Institute (SwRI) di Boulder, Colorado.

"New Horizons sta trasmettendo informazioni sorprendenti. I dati sembrano assolutamente stupendi di Plutone e Caronte". Una nuova immagine del primo piano di una regione equatoriale vicino alla base della zona di Plutone con la caratteristica forma di cuore mostra una catena montuosa con cime accentuate alte circa 3.500 metri sopra la superficie del corpo ghiacciato.

Le montagne di Plutone probabilmente si sono formate meno di 100 milioni di anni fa - meno giovani di 4,56 miliardi di anni, data di nascita del Sistema Solare. Ciò suggerisce ai ricercatori che la regione primo piano, che copre circa l'uno per cento della superficie di Plutone, può essere geologicamente attiva ancora oggi.

"Questa è una delle superfici più giovani che abbiamo mai visto nel sistema solare", ha detto Jeff Moore del New Horizons Geologia, Geofisica e Imaging Team (GGI) presso Ames Research Center della NASA a Moffett Field, in California.

A differenza delle lune ghiacciate di pianeti giganti, Plutone non può essere riscaldata da interazioni gravitazionali con un corpo planetario molto più grande. Qualche altro processo deve essere alla base della generazione del paesaggio montuoso.

"Questo può farci ripensare quali poteri geologici può avere su molti altri mondi ghiacciati", dice il vice capo della squadra GGI John Spencer a SwRI.

Segui la pagina Scienza
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!