Ci siamo. Dopo interminabili mesi di attesa, con l'incognita dell'uscita del nuovo gioco Nintendo per smartphone, Pokemon GO è ora disponibile per essere installato sul vostro device. Il problema, però, è che l'azienda nipponica lo ha reso disponibile solo in alcuni Paesi (Nuova Zelanda e Australia, fra gli altri), mentre qui da noi in Italia il gioco si potrà scaricare tranquillamente da Apple Store e Google Play a partire dalla giornata del 15 luglio. Semmai non ve ne foste accorti, però, sono parecchi gli utenti italiani che su Facebook stanno mostrando i primi screenshot del gioco, motivo per cui esiste già un modo per installarlo gratuitamente sui vostri cellulari, basta un po' di pazienza e il gioco è fatto. Per gli utenti che hanno un Samsung o comunque Android, è sufficiente andare sul sito di APKMirror e da lì scaricare il file sul proprio telefono.

Pubblicità

Come installare Pokemon GO su iPhone

Per chi ha un iPhone, invece, giocare con i mostriciattoli inventati circa vent'anni fa da Satoshi Tajiri sarà un pochino più difficile, ma se seguirete i passi che vi stiamo per indicare, non ve ne pentirete. Innanzitutto è possibile aggirare il fatto che non sia disponibile (fino al 15 luglio) in Italia, entrando sulle Impostazioni del telefono: da lì poi bisogna andare su iTunes Store e Apple Store e fare il logout dal nostro ID Apple. In questo modo quando andrete ad aprire l'Apple Store sarà come se fosse la prima volta che ci entrate.

Fatti questi semplici passaggi viene il bello: andate su un app qualsiasi all'interno dell'App Store e provate a scaricarla. Il device vi chiederà di registrarvi di nuovo, dato che vi siete disconnessi e a questo punto non dovrete far altro che impostare un nuovo account con un Paese di residenza diverso dall'Italia (Australia o Nuova Zelanda sono perfette). Per chiudere, utilizzate un indirizzo email che non sia abbinato ad alcun ID Apple. Fatto questo loggatevi nell'App Store australiano e scaricate tranquillamente il gioco.

Pubblicità
I migliori video del giorno

Per tutti coloro che non vogliono fare tutti questi passaggi, bisogna avere pazienza e aspettare il 15 luglio.