L'istituto Italiano di tecnologia a Genova ha adottato il progetto Robotics che è famoso per la capacità di adattare l'uso della robotica alle normali faccende quotidiane. Il programma, infatti, prevede alcuni tipi di robot che sono già stati progettati: c'è quello quadrupede per aiutare l'uomo nelle situazioni di pericolo (una sorta di cane-robot), oppure ci sono quelli progettati per andare in luoghi pericolosi dove un essere umano ci potrebbe rimettere la vita. Questi appena citati sono due dei tanti esempi creati dal laboratorio. L'IIT, però, ha appena sfornato un prototipo di robot umanoide chiamato R1.

Come funziona R1

Questo robot ha le sembianze di un essere umano. È dotato di un busto allungabile costituito dal 50% di plastica e dal 50% di fibra di carbonio che può far variare l'altezza da 1.25 a 1.40 metri. Il peso complessivo è di 50 chili ed è dotati di ben 28 motori per il funzionamento. Due motori sono per testa e collo, 4 per l'addome, 8 per ogni braccio (un totale di 16), 2 per ogni mano e 1 per ogni ruota (ne sono 2).

Può comunicare con il mondo esterno grazie ad un display posizionato sul volto che mostra tramite led colorati le espressioni.

Le braccia si possono allungare di 13 centimetri, il dorso si può allungare, come detto prima, ma può anche contorcersi. Nella pancia è posizionato la centralina di controllo (il cuore in pratica).

Il robot è dotato di batteria per muoversi con un'autonomia di 3 ore. Per ricaricarlo basta una presa per la corrente e può raggiungere una velocità di 2 km/h.

Inoltre l'umanoide si può connettere ad Internet tramite scheda wireless incorporata con la quale può scaricare informazioni per l'interazione con il mondo esterno o semplicemente aggiornare il proprio software.

Può sollevare un peso massimo di 1.5 chilogrammi.

La commercializzazione dovrebbe avvenire in 12-18 mesi e all'inizio costerà quanto un'automobile, ma con il passare del tempo, il prezzo arriverà a qualche migliaio di euro.

In futuro, magari, i robot potranno sostituire a pieno le funzioni degli esseri umani.

Per restare aggiornato sulle ultime notizie dal mondo della tecnologia, clicca sul tasto ''Segui''.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto