Il progresso tecnologico ha effettuato in pochi anni passi da gigante in ambienti videoludici, della telefonia e in tanti altri rami ma oggi c'è un'altra grande novità. Una cosa che sembrava lontana anni luce ed invece è a portata di ''tempo''. La notizia riguarda un display di idrogel composto al 90% da acqua.

Le proprietà del display idrogel 

Iniziamo a dire che l'idrogel è un materiale definito colloide.

Quest'ultimo è una miscela che prevede una presenza in quantità molto maggiori rispetto ad altre di un determinato materiale. Nell'idrogel si ha quindi una rete di polimeri che assorbe la grande quantità di acqua e il risultato è la notevole elasticità del materiale. In questo caso, parliamo dell'acqua che in percentuale è presente al 90%, la quasi totalità quindi.

Tra le caratteristiche di questo materiale è di notevole rilievo il fatto che il display è elastico, flessibile, morbido e addirittura indossabile.

Al momento, il materiale di idrogel è utilizzato per alcuni videogiochi ed in alcuni programmi di scrittura ed è stato progettato da alcuni ingegneri dell'Università di Seoul, capitale della Corea del Nord.

Sono stati effettuati anche dei test sul display di idrogel e i risultati sono sorprendenti: il monitor funziona alla perfezione anche dopo averlo allungato del 1000% (10 volte la lunghezza originale del campione) e le immagini sono di un'altissima definizione.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Smartphone Android

Gli ingegneri hanno provato a svolgere tante attività mentre indossavano il display a mo di orologio da polso. Il risultato è che sul display estensibile si può tranquillamente giocare, scrivere e fare tutte le funzioni dei moderni Smartphone senza problemi, anche allungando il dispositivo.

La novità principale di questo materiale innovativo sta nel fatto che è l'unico composto da materiali completamente estensibili.

In precedenza, sono stati usati vari conduttori per i display elastici, come ad esempio i nanotubi in carbonio e i nanocavi in metallo, ma si basano sempre su materiali duri.

Per restare aggiornato sulle ultime notizie dal mondo della tecnologia, puoi cliccare sul tasto ''Segui'' situato nella parte superiore della pagina.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto