Nei giorni scorsi nel corso diunconvegno organizzatodall'Associazione per la computer grafica (Cad) in Architettura, è stato presentato un nuovo tecnologico cemento, nella cui composizione è aggiunto quello che viene definito come un "batterio muratore" geneticamente modificato, capace di sanare autonomamente i danni provocati da calamità naturali, come per esempio i terremoti. Il nuovo prodotto è stato inventato da un team di ricercatori guidati da Martyn Dade-Robertson, dell'università di Newcastle, nel Regno Unito. E secondo gli scienziati che lo hanno elaborato, potrà essere impiegato per costruire fondamenta più sicure di quelle odierne.

Alla base del nuovo cemento c'è un batterio Ogm

Gli scienziati del team hanno elaborato il nuovo prodotto ispirandosi al batterio BacillaFilla, realizzato da alcuni ricercatori della medesima università, che si è dimostrato in grado di riparare danni nel calcestruzzo grazie alla produzione di carbonato di calcio dei microorganismi e un collante a base di zuccheri. Ma il team di Dade-Robertson ha impiegatol'Escherichia coli, a cui è stato modificato il genoma, per fare in modo che il batterio produca sostanze simili a quelle del BacillaFilla, ma solo in presenza di movimenti del terreno o una variazione della pressione.

I possibili utilizzi

I ricercatori sostengono di lavorare per mettere a punto un materiale duttile, da usare su larga scala per creare le fondamenta degli edifici eliminando la necessità di scavare ampie buche da colmare di cemento.

Inoltre le capacità auto-rigeneranti del "cemento vivente" possono essere utili per aumentare la sicurezza degli edifici.

Le scosse di terremoto talvolta pur non provocando crolli o la perdita dell'agibilità di un edificio, possono causare comunque dei danni, che indeboliscono la struttura rendendola più vulnerabile ad eventuali future scosse, come è avvenuto anche con i recenti terremoti ed il conseguente sciame sismico, che ha raso al suolo palazzi che avevano resistito alle precedenti scosse. Un cemento capace di auto ripararsi in questo ambito potrebbe senza dubbio rivelarsi molto utile.