Il mistero sui criteri per ricevere i ban applicati da Game Freak sull'online di Pokemon Sole e Luna sono stati svelati: principalmente riguarda chi ha usato poco responsabilità i vari powersave e pkhex. Le motivazioni, infatti possono essere tra le più varie e riguardano chi ha utilizzato online pokemon non ancora rilasciati (vedi ad esempio Marshadow e Pikachu col cappello di Ash), pokemon con abilità non rilasciate (Inceniroar con Prepotenza o Passimian con Agonismo per citarne alcuni) o chi ha utilizzato pokemon gennati male (chi per esempio ha utilizzato un Raichu non Alola nato ad Alola ma anche un Tapu Fini nato da un uovo).

I motivi del ban

Tra le alte cose anche l'utilizzo di megapietre non disponibili in game (Lopunnite, Mawilite, Galladite, Gardevoirite, Abomasnowite, Blazikenite, Swampertite, Sceptilite, Audinite, Manectrite, Pidgeotite, Mewtwoite X, Mewtwoite Y, Altarite, Aggronite, Beedrillite, Banettite, Ampharosite, Diancite, Cameruptite, Heracrossite, Latiosite, Latiasite, Houndoumite, Medichamite, Tyranitarite, Steelixite) nelle lotte online sembrerebbe aver comportato il ban. Anche altri strumenti come la bacca enigma non ancora disponibili porterebbero al ban.

Chi non è a rischio ban?

Soggetti al ban sono anche chi ha utilizzato il pkhex ed il powersave per cambiare il numero di ore di gioco, il sesso del personaggio e chi ha caricato un backup precedente dopo aver fatto il Sincrogioco successivo (esempio banale, dopo aver fatto il backup si è andati online, si è svolta una lotta a punteggio, si hanno perso alcuni punti, si è caricato il backup per recuperare i punti persi).

Insomma possono dormire sogni sicuri chi ha utilizzato i cheat per evsare, clonare, gennare pokemon competitivi: non si è a rischio di ban per azioni simili, dato che anche la GTS (Global Trade Station) è ricca di Pokemon clonati tramite mezzi esterni. Bisogna prestare attenzione mentre si fanno questi procedimenti, ma i più esperti lo sanno. Adesso almeno sappiamo contro chi Game Freak si è scagliata negli ultimi giorni.

Segui la nostra pagina Facebook!