Cape Canaveral, il 15 ottobre 1997 la NASA programmò di raggiungere Saturno con la collaborazione dell'European Space Agency e dell'Italian Space Agency. Il 1° luglio del 2004 alle ore 04:12 GMT. la sonda Cassini entrò nell'atmosfera di Saturno e delle sue lune. La Cassini fu progettata dalla NASA (orbiter), mentre Huygens (lander) fu progettata dall'ESA.

Il 14 gennaio 2005 il lander toccò il suolo di Titano, il principale satellite di Saturno, raccogliendo dati sull'atmosfera, mandando foto e trasmettendo segnali per 90 minuti.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Smartphone

I nomi delle sonde non sono casuali, infatti l'orbiter è stato chiamato così per ricordare l'astronomo italiano Gian Domenico Cassini che nel '600 dedicò i suoi studi proprio a Saturno, mentre si deve all'astronomo olandese, vissuto nel XVII secolo, Christiaan Huygens la scoperta di Titano adoperando un telescopio.

Cape Canaveral, Fla. (Ap)

Venerdì 15 settembre 2017 alle 10:31 UTC la sonda spaziale Cassini si è disintegrata nel cielo di Saturno concludendo un viaggio durato 20 anni. Un miliardo di chilometri separava la navicella spaziale dalla Terra e la comunicazione è arrivata con 83 minuti di differenza, praticamente la sonda non esisteva più quando è giunta la notizia.

Earl Maize, direttore del programma

"Questa è stata un'incredibile missione, una navicella spaziale incredibile e una squadra incredibile". Linda Spilker, direttrice del progetto, un paio di ore dopo ha dichiarato che "è stato come perdere un carissimo amico". Una folla di 1.500 persone si è presentato al California's Jet Propulsion Laboratory nel momento finale della missione e ancora di più presso il vicino California Institute of Technology che gestisce il laboratorio della NASA.

I migliori video del giorno

La sonda è entrata nell'atmosfera di Saturno raggiungendo una velocità superiore ai 76.000 mph (122.000 km / h). "Ci sono momenti in questo mondo dove tutto sembra andare per il meglio, quando tutto è bello come la risata di un bambino o di un tramonto nel deserto. Questa mattina non sarebbe potuto andare meglio", ha detto Maize. "Addio, esploratore fedele".

Grand Finale

La NASA definì Grand Finale la decisione di concludere l'avventura di Cassini che durava da 13 anni .Gli scienziati decisero di non far schiantare la sonda su Enceladus o Titan per non contaminare quei mondi ritenuti capaci di ospitare la vita. Nel mese di aprile Cassini fu "dirottata" su Saturno compiendo per ventidue volte altre esplorazioni nei suoi anelli e concludendo l'ultima il 15 settembre 2017.

Dati statistici e sviluppi della missione

Nel complesso, Cassini ha raccolto più di 453.000 immagini e ha percorso 4,9 miliardi di miglia. Sono state 27 le Nazioni partecipanti. Il prezzo finale è stato di 3,9 miliardi di dollari.

L'ultimo rilevamento ha portato a 62 il numero di lune conosciute, sei delle quali trovate da Cassini. La NASA ha intenzione di organizzare, nel 2020, il lancio di un orbiter e un lander su Europa, una luna di Giove, che potrebbe essere vivibile. "Questi mondi che abbiamo trovato e che non sapevamo esistessero, stanno cambiando il modo di intendere la vita stessa", ha detto il direttore della NASA, Thomas Zurbuchen..