Tra tutte le applicazioni per la messaggistica istantanea, Whatsapp [VIDEO] è certamente quella con il più grande bacino d'utenza al mondo. Tra le motivazioni che possono spiegare il raggiungimento di un tale successo è possibile citare la struttura stessa dell'applicazione, organizzata in modo tale da renderne agevole l'utilizzo anche da parte dei più inesperti. Tale popolarità, poi, si è rafforzata ulteriormente con la sua inclusione nel gruppo Facebook.

Nonostante gli aggiornamenti all'applicazione si susseguano senza sosta, spesso è necessario attendere un po' di tempo prima che determinate funzionalità divengano realtà.

Da diversi mesi, infatti, è noto che il team di #Whatsapp sia stato al lavoro sullo sviluppo di una versione dell'omonima applicazione realizzata appositamente per PC #Windows 10 ma sono noti anche i vari ritardi accumulatosi nel tempo. Tuttavia, dopo le varie attese, finalmente l'applicazione è disponibile nel #Microsoft Store.

Whatsapp Desktop è una 'mezza' delusione?

Come detto precedentemente, l'applicazione è liberamente scaricabile dal Microsoft Store. Tuttavia, dopo un po' di tempo di utilizzo, è possibile maturare un certo grado di delusione. L'app, infatti, assomiglia molto da vicino a Whatsapp Web, funzionalità disponibile sia via browser, sia in una versione off-line.

Comparando Whatsapp Web con la versione Desktop, non si nota alcuna differenza se non un piccolo popup che indica il numero di messaggi non ancora letti.

Molte funzionalità sperate, difatti mancano all'appello: ad esempio l'applicazione non è in grado di interagire per nulla con il sistema operativo (non può, ad esempio, notificare l'arrivo di un messaggio di una chat), nemmeno la barra 'MyPeople' è supportata dall'applicazione.

Sia chiaro, l'applicazione dimostra una certa fluidità e svolge il suo lavoro egregiamente ma il risultato complessivo appare alquanto scarso se confrontato con le aspettative maturate.

Facebook, tuttavia, sarebbe 'discolpata' dalla vicenda

Nonostante quanto accaduto mostri una certa amarezza, il team di Facebook potrebbe essere in parte discolpato da quanto accaduto. Seguendo le linee guida di Microsoft sull'introduzione di un'app sul Microsoft Store, si evince che sarebbe consigliabile effettuare prima un porting delle app 'Win32', per poi passare a successive implementazioni.

Di conseguenza, il team di Facebook potrebbe essersi limitato semplicemente a seguire ciecamente questi passaggi, prevedendo l'introduzione di funzionalità aggiuntive in futuro. Insomma, solo il tempo potrà chiarire maggiormente lo sviluppo futuro dell'applicazione, con la speranza che non si debba aspettare tempi eccessivi.