Questa volta i lottologi professionisti non hanno dubbi: i ritardatari delle estrazioni del lotto del 17 marzo 2015 vanno associati con i frequenti di ogni ruota con combinazioni preferibilmente ad ambo.

Assente da ben 135 lotterie, tra i numeri ritardatari il più atteso è senza ombra di dubbio il numero 26 sulla ruota di Firenze che, secondo gli esperti può essere giocato in abbinamento al numero 29, il primo tra i numeri frequenti della ruota, oppure, sperando nella clemenza della dea bendata, con un ambo nella decina puntando a scelta uno dei numeri successivi al ritardatario, dunque il numero 27, il 28 oppure il numero 29.

Volendo sulla ruota di Firenze si potrebbe giocare anche un ambo sugli invertibili abbinando il 26 con il 62.

Non cambia il discorso per il 54 sulla ruota di Napoli, tra i numeri ritardatari da diverse settimane, che conta ben 107 assenze: gli esperti lottologi consigliano di abbinarlo al primo dei numeri frequenti della ruota in questione, il numero 1, oppure di abbinarlo al 64 per creare un ambo a cadenza di probabile uscita. 

Non più tra i ritardatari centenari, il numero 22 sulla ruota di Venezia, assente da ben 96 estrazioni, si presta ad essere associato ad un altro numero gemello con il 33 oppure il 66.

Altro numero tenuto sotto stretta osservazione dagli esperti e dagli appassionati per le estrazioni  del lotto del 16 marzo è il numero 8, che tra i ritardatari è solo al quarto posto con 91 assenze: per lui molto probabile l'uscita di un ambo sugli invertibili in abbinamento con il numero 19, oppure un ambo ottenuto con l'affiancamento al numero 36, il primo tra i frequenti della ruota. 

Passiamo ora all'ultimo numero osservato speciale per le estrazioni del lotto di domani, il numero 31 sulla ruota di Bari, che manca all'appello da 90 estrazioni e che può essere giocato con il numero 81, il più frequente tra i numeri della ruota in questione, ottenendo in questo modo un ambo a cadenza, oppure con un ambo sulla decina, in abbinamento dunque con uno dei primi cinque numeri successivi. 

Segui la nostra pagina Facebook!