Questa sera è apparsa sul sito istituzionale del Comune di Torino la notizia della revoca del blocco delle auto alimentate a gasolio euro 3 - 4 - 5 (ordinanza n° 86/2017).

Si legge, sul documento, che a seguito bollettini dell' ARPA Piemonte, che nella giornata odierna evidenziavano una riduzione del concentrazione delle pericolosissime polveri sottili PM10 in atmosfera, è stata presa la decisione di revocare le precedenti ordinanze della sindaca Chiara Appendino.

Pubblicità
Pubblicità

Le ordinanze precedenti

Martedì 17 ottobre scorso era firmata dalla Sindaca l'Ordinanza n° 82/2017 che disponeva il divieto di circolazione dal giorno seguente, 18 ottobre 2017, sul territorio comunale di Torino per i veicoli a uso privato e commerciale, categoria N1, N2 e N3, alimentati a gasolio con classe emissiva corrispondente a Euro 4 o inferiore.

Giovedì 20 ottobre a causa del perdurare della condizione d'inquinamento dell'aria rilevata in città, era emessa una nuova ordinanza, la n° 85/2017, che ampliava il blocco comprendendo i veicoli diesel Euro 5.

Entrambe le ordinanze imponevano il divieto per i veicoli privati dalle ore 8.00 alle ore 19.00 mentre per i veicoli commerciali dalle ore 8.30 alle ore 15.00 e dalle ore 17.00 alle ore 19.00.

L'ordinanza che rimane in vigore

Rimane comunque sempre in vigore l'ordinanza 6213 del 20/12/2012 che impone il divieto di circolazione dalle ore 08.00 alle 19.00 da lunedì a venerdì per i veicoli privati alimentati a benzina con classe emissiva Euro 0, compresi quelli bifuel alimentati a GPL o Metano, e i veicoli alimentati a gasolio con classe emissiva uguale o inferiore a Euro 2, nonché i ciclomotori e motocicli con motore termico a due tempi non conforme alla normativa Euro 1.

Pubblicità

Orario che si riduce esclusivamente per i conducenti dei veicoli diesel Euro 2 residenti nella città di Torino dalle ore 08.00 alle ore 17.00.

La stessa ordinanza impone il divieto di circolazione dalle ore 8.30 alle ore 13.00 e dalle ore 14.30 alle ore 19.00 ai veicoli commerciali, N1 N2 N3, ovvero aventi massa a pieno carico inferiore o uguale a 35 quintali, alimentati a gasolio e aventi classe emissiva uguale o inferiore a Euro 2 e alimentati a benzina e aventi classe emissiva Euro 0, nonché i ciclomotori e motocicli aventi tre ruote, con motore termico a due tempi e non conforme alla normativa Euro 1.

La speranza

Oggi il vento che sta soffiando ancora in queste ore ha concesso a molti automobilisti di riprendere la settimana lavorativa con maggior tranquillità, ma soprattutto ha concesso un po' di aria pulita a tutti noi cittadini di Torino e cintura, rimane comunque sempre in bilico lo stato della nostra aria.

La speranza di respirare aria pulita non dovrebbe essere legata al solo capriccio del tempo e pare ovvio che le limitazioni del traffico non sono riuscite a far migliorare la situazione delle famigerate PM10 ma al massimo non aggravarla ulteriormente, rimane la speranza in future politiche ambientali che possano dare risultati ancora migliori di quelli attuali.

Pubblicità

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto