Fiorello lo conoscete tutti! È il mago della normalità: i suoi spettacoli sono privi di effetti speciali. Una chiacchiera o una canzone con un uomo della strada o con un grande divo e tutti siamo lì a guardare rapiti.


Quando gli è stato dato un format ("Non dimenticate lo spazzolino da denti") ha fallito, poiché il suo geniale flusso umoristico di uomo comune era stato chiuso in un contenitore artificioso e sclerotizzato, lontano sia dalla strada che dal cuore del divo.


Il suo non è un genio facilmente riconoscibile. È noto che Pippo Baudo non ne seppe scovare le enormi potenzialità. Fiorello al provino fece finta di snobbare l'allora uomo più potente della Televisione e, forse, l'ego del Pippo nazionale ebbe il sopravvento sulla sua abilità a riconoscere i talenti.


In fondo se Verdi fu rifiutato dal conservatorio e Pirandello non raggiungeva a scuola la sufficienza in italiano era quasi fisiologico che Fiorello dovesse trovare la porta chiusa di fronte al più popolare uomo dello spettacolo del tempo.


Oggi, il popolare anchorman italiano sta inseguendo invece un effetto speciale, uno di quelli in cui forse solo lui può riuscire: convincere Mina a ritornare in televisione. Dopo avere inciso con la più grande delle nostre interpreti un brano del suo ultimo album, Fiorello vorrebbe ritornare al grande schermo su Rai Uno con un nuovo one man show, conquistando il cuore della diva e scalfendone il mito dell'invisibilità.


Ci riuscirà? Non è semplice. È una scelta alla quale la cantante ha mantenuto fede per circa 35 anni. Ma se c'è qualcuno che può farlo, questo è Fiore.