La collaborazione tra Marvel e Netflix continua. Dopo l’esordio di Daredevil, il 20 novembre scorso la Televisione in streaming ha lanciato Jessica Jones, mettendo a disposizione dei suoi abbonati 13 episodi della nuova serie. La Marvel è nota per aver creato dei supereroi con superproblemi e con questa serie tale caratteristica è ancor più evidente. Infatti, già dal primo episodio, si intuisce che Jessica Jones non è la solita super-wonder-woman a cui il mondo dei comics ci ha abituato. Già le caratteristiche fisiche del personaggio non fanno pensare ad una ragazza dotata di superpoteri. Jessica sembra più vicina a Lisbeth Salander di Stieg Larsson che a Supergirl; è un'eroina dark, aggressiva ma fragile, cinica, trasandata a cui piace bere e fare sesso; una investigatrice privata che svolge il suo lavoro al telefono seduta sul wc, con una bottiglia di whisky a fianco, ma soprattutto alle prese con un disturbo post traumatico da stress e con ricordi del passato che la tormentano.

Primo episodio: 'Le signore bevono gratis'

Nel primo episodio Jessica (interpretata da Krysten Alyce Ritter, già vista in Breaking Bad)  viene ingaggiata da una coppia che ha perso le tracce della propria figlia. L’investigatrice riesce a ritrovarla e a riconsegnarla ai genitori, ma il suo ritrovamento la porterà a confrontarsi con il suo stesso traumatico passato. È proprio dal suo passato che affiorerà il suo nemico acerrimo: il dottor Zebediah Killgrave (David Tennant), conosciuto anche come the Purple Man. Nell’episodio pilota la protagonista viene presentata così come è, senza dare spiegazioni sul suo passato, sia per quel che riguarda l’origine dei suoi poteri sia come e perché sia diventata una investigatrice privata. Mentre in Daredevil le origini del supereroe erano raccontate da subito, in questa nuova serie si è preferito lasciare la curiosità e il dubbio nello spettatore e sarà il susseguirsi degli episodi a chiarire meglio le origini del personaggio.

I migliori video del giorno

 

Cast

Oltre ai già citati Krysten Alyce Ritter e David Tennant, fa parte della serie anche Mike Colter che interpreta Luke Cage, che in seguito avrà una serie a lui dedicata e che comparirà con Jessica Jones, Daredevil e Iron Fist nella serie dei Defenders. Nel cast da segnalare anche la presenza di Carrie-Anne Moss (la Trinity di Matrix), che interpreta Jeri Hogarth, un avvocato lesbica che tenta di assumere per il suo studio legale Jessica Jones come investigatrice privata. Infine apparirà anche Claire Temple (Rosario Dawson) un'infermiera che abbiamo già conosciuto in Daredevil e che sarà presente anche nella serie Luke Cage.

In definitiva si può dire che la collaborazione tra Netflix e Marvel stia dando davvero buoni frutti, probabilmente anche migliori delle produzioni per il grande schermo (si pensi ai flop dei film su I Fantastici Quattro o The Amazing Spiderman).  Per avere un’idea della storia e familiarizzare con l’ambientazione dark in cui Jessica e gli altri personaggi si muovono è disponibile un trailer di cui si consiglia la visione (ad un pubblico adulto…).