#Valeria Marini ha ormai diviso la casa del #'Grande Fratello Vip'. Inizialmente la biondona più esuberante della casa, era amatissima da tutti i coinquilini perché, con la sua simpatia e il suo carattere scoppiettante, portava allegria e buon umore all'interno della casa più spiata d'Italia. Tuttavia un carattere troppo forte, come quello della Marini, a lungo andare può creare discussioni e malcontenti, ed è proprio quello è successo a Valeriona Nazionale. Prima le liti con la modella venezuelana, Mariana Rodriguez, per poi inimicarsi piano piano tutti i concorrenti. Perfino Stefano Bettarini, con cui inizialmente aveva instaurato un forte legame, ormai è stanco dei capricci di Valeria tanto da allontanarsene.

Ultima discussione forte, quella con la conduttrice radiofonica Elenoire Casalegno. L'unica concorrente ad esserle rimasta accanto negli ultimi giorni è stata Antonella Mosetti a cui ha confidato di volere abbandonare la casa a causa del clima ostile e dell'avversione degli altri gieffini.

Damante esprime il suo parere ai coinquilini

Ieri sera Stefano Bettarini, Antonella Mosetti, Andrea Damante e Laura Freddi hanno parlato della situazione che si è creata nella casa del '#Grande Fratello VIP', a causa di Valeria. L'ex tronista di 'Uomini e donne' ha spiegato che, negli ultimi giorni, ha cominciato a rivalutare Valeriona nazionale: "Più passano i giorni più capisco che sbagliavo a interpretare i modi di Valeria poiché ha moltissime qualità. Bisogna saperla prendere, ma lei è fatta così", ha detto Damante.

I migliori video del giorno

Non è della stessa opinione Laura Freddi la quale, invece, pensa che la Marini talvolta tenda ad esasperare il suo carattere, risultando pesante: "Anche quando ci mette quattro ore a prepararsi non è lei, ha dichiarato la Freddi.

Bettarini è dello stesso parere di Laura e, infatti, ha affermato che Valeria dovrebbe "uscire dal suo personaggio ed essere se stessa". Ciò che infastidisce maggiormente Stefano sarebbero i suoi modi da diva che la portano ad erigersi su un piano superiore rispetto agli altri coinquilini.