4

Bisogna darne atto: Squadra Antimafia 8 non finisce di stupire. Nella nona puntata accade l'inverosimile. La suspense è senza dubbio la grande protagonista di una fiction che pur non avendo brillato come le altre serie, si difende con tenacia: l'11 novembre sarà davvero l'ultima puntata?

Ecco Maria, la moglie che il boss credeva morta

Rammentando il volto di Maria, la moglie perduta, Ulisse Mazzeo si è invaghito di Patrizia. Quel ricordo ha alimentato la sua indomabile sete di vendetta. Di lei, durante le "analessi" -  i salti indietro nel tempo della narrazione - allo spettatore non è stata mai data un'idea precisa. La sua sorte è rimasta un mistero e tutti davano per scontato che fosse morta.

Invece, eccola lì, comparire accanto ad un padrino della 'ndrangheta ed al vertice di una potente cosca, visto che Mazzeo la riconosce tra i convocati al summit che lui stesso ha fomentato con il solito acume e l'abilità di De Silva. Un summit che lui vorrebbe trasformare in strage. Ma adesso?

Cosa farà Ulisse Mazzeo?

Nell'ultima puntata per il mattatore della fiction sarà un vero rompicapo: porterà a termine il suo piano ed ucciderà tutti i componenti della cupola mafiosa? Oppure dovrà fermarsi per non coinvolgere la moglie? Vorrà almeno chiederle spiegazioni dopo oltre trent'anni di tribolazioni, dopo aver visto perire i componenti della sua famiglia, a questo punto con la complicità o addirittura per volontà proprio di Maria Mazzeo, la consorte adorata verso la quale è stata sempre rivolta la sua malinconica memoria.

I migliori video del giorno

E De Silva? Quella che compare all'improvviso, al termine della puntata, è proprio sua madre. Anche per lui vale la stessa domanda: cosà farà?

La madre di Rosalia si pente per amore della figlia

I colpi di scena non sono finiti. Certo rispetto alla vicenda di Mazzeo, che ormai ha i toni di un dramma shakespeariano, quella di Rosalia è poca cosa. Ma la coraggiosa poliziotta ha mostrato tutta la sua fragilità per un'esistenza complicata dalle sue torbidi origini. Tutta la sua vita è stata un inganno. Ma il pentimento della madre, convinta da Vito a compiere questo passo, sembra offrirle uno spiraglio, qualcosa in cui ancora credere: l'affetto.

Giano rimette tutto in ordine. Nigro ci prova

Dopo gli errori compiuti e le incomprensioni cruente con la Cantalupo, Giano si riprende e torna ad essere un punto di riferimento per la Squadra, mentre per Nigro è dura sopportare l'assassinio di Patrizia: non era una sbandata ma vero amore.

Il plot secondario della sua vita sembra volgere verso una soluzione. Ma sarà difficile ricostruire di nuovo una famiglia felice dopo tutto il casino che ha combinato.

Rachele Ragno: la spietata è caduta nella trappola di De Silva

La fine di Torrisi per mano di Rachele Ragno non può considerarsi un vero colpo di teatro: siamo abituati al cinismo violento del personaggio, al suo disinvolto saltare da un uomo ad un altro per colmare desideri sessuali ed ambizioni di potere. Ma ora l'ha combinata grossa: è lei che ha portato De Silva al summit, credendo di averlo catturato. Invece sta mettendo in pericolo tutti, compresa se stessa. Si salverà?

Squadra Antimafia 8: anticipazioni dell'ultima puntata

Può accadere di tutto. Il problema per Mazzeo e De Silva è più che evidente. Vie d'uscita? Poche. La sorpresa è inaspettata, impensabile anche per due menti fine come le loro. Moglie e madre che riappare dal nulla: non potranno restare insensibili e tutto il finale avrà al centro questa sconvolgente verità. Che verrà certamente narrata sotto la spinta di emozioni molto forti. Questo mentre la Squadra, che ormai appare più coesa, si troverà ad affrontare la sfida più difficile: assicurare alla giustizia i capi della cupola, ma anche Mazzeo e De Silva. E naturalmente la Ragno. Ci riusciranno? Senza perdite? Ancora suspense. Ancora colpi di scena. Fino al termine.