Quentin Tarantino nasce il 27 Marzo 1963 a Knoxville. Grande appassionato dei film di Sergio Leone inizia a scrivere sceneggiature molto presto.

Gli inizi

La passione per il cinema si fa sentire molto presto ed è alimentata da sua madre e dai suoi compagni che permettono a Tarantino di vedere moltissimi film e lo accompagnano molto frequentemente al cinema. A soli 14 anni scrive la sua prima sceneggiatura e dopo aver partecipato a vari corsi di recitazione, lascia la scuola all' età di 16 anni iniziando a fare numerosi lavori come quello di gestire per ben cinque anni un videonoleggio.

La vera svolta arriva nel Gennaio del 1992 quando Le Iene viene presentato al Sundance Film Festival e il produttore Bender, date le sue conoscenze, ottiene il cofinanziamento del film che aveva un copione scritto in appena tre settimane.

Da qui è tutto in discesa; Tarantino riesce a piazzare sceneggiature importanti in molteplici studios: Una vita al massimo del 1993 diretto da Tony Scott, Natural Born Killers del 1994 diretto da Oliver Stone.

Nel bel mezzo di tutte queste sceneggiature, esplode il successo presso il grande pubblico con Pulp Fiction che vince la palma d'Oro a Cannes, riceve due nomination alla regia e vince due premi per la migliore sceneggiatura. È qui che si vede nascere quello che tutti conosciamo come un grande regista dallo stile inconfondibile.

Gli anni duemila

Negli anni a seguire c'è una sorta di pausa, dove Tarantino recita in alcuni film come Dal tramonto all'alba di Rodriguez.

Torna più forte che mai nel 2003-2004 con la bilogia di Kill Bill dove la protagonista è una donna assetata di vendetta interpretata dalla talentuosa Uma Thurman. Il film fa avvicinare al regista dei fan che nella prima fase non erano stati entusiasmati dal suo operato.

Nel 2009 inizia un altra fase della vita cinematografica di Tarantino e con Bastardi senza gloria viene nominato agli Oscar come miglior regia e sceneggiatura.

Il suo lavoro più straordinario arriva nel 2012 quando omaggia la sua passione per i film western con Django Unchained che con le tematiche razziste suscita numerose polemiche ma anche un successo straordinario.

Nel 2015 esce The Hateful Eight dove c' è un ritorno del 70mm e della grande tecnica cinematografica. Un film che ci fa capire a prima vista l'impronta di Tarantino e il suo amore infinito per il cinema.

Un regista che si ama o si odia, dai film alla forte personalità . Il regista ha dichiarato che si fermerà non appena avrà concluso il suo 10 film, voi ci credete? Per ora possiamo solo dire: Auguri Quentin!

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto