E' appena andata in onda su canale 5 la seconda puntata della seconda stagione di #Cherry Season, la soap opera turca che ha conquistato anche il cuore degli italiani. La puntata di oggi è stata piena di colpi di scena.

Per colpa della sua curiosità Oyku guarda il video della scommessa e tutto cambia. Il profondo amore per Ayaz si trasforma in sete di vendetta. Emerge così una Oyku diversa dalla dolce ragazza che fino ad ora avevamo conosciuto.

Con la speranza di poterla riconquistare, il povero Ayaz è costretto a subire la furia "omicida" della "moglie" che fa di tutto pur di rendergli la convivenza difficile.

Pubblicità

Il video della commessa

Dopo un'estenuante serata all'insegna di fiabe raccontate da Oyku che così pensa di poter evitare la prima notte di nozze, Ayaz riesce finalmente a portarla in camera ma la moglie continua a mostrare un forte disagio e così il marito, spinto dall' amore e dal rispetto che prova per la sua consorte, decide di abbandonarsi tra le braccia di Morfeo. Soltanto così Oyku riesce a tranquillizzarsi.

Mentre la coppia di giovani sposi dorme profondamente qualcuno bussa alla loro porta.

Al di là dell'uscio una donna, scortata dalla polizia, si presenta come il sindaco del paese, cosa che sembra alquanto assurda perché proprio nello stesso giorno Oyku e Ayaz sono stati sposati da un sindaco uomo.

A questo punto la donna li rivela che purtroppo sono stati vittima di un raggiro. Quell'uomo strambo è in realtà suo fratello ed ex sindaco del paese che, dopo aver perso il senno, continua a spacciarsi per primo cittadino convinto di esserlo ancora. Per questo il loro matrimonio è nullo.

Pubblicità

Dopo l'amara delusione Ayaz segue i poliziotti per rilasciare una deposizione. Oyku resta sola in stanza. Ad un certo punto squilla il telefono: è Onem ma non potendo parlare col figlio chiede alla ragazza di fargli pervenire il video che gli ha inviato.

Morsa dalla curiosità, Oyku è combattuta perché vorrebbe vedere il filmato. Alla fine cede alla brama di sapere e così clicca su quel video che non avrebbe mai dovuto aprire. Il suo contenuto è scioccante. La ragazza, letteralmente sconvolta per le parole di Ayaz che, con grande superficialità, scommette su di lei e sul loro amore, lascia la camera d'albergo per riversarsi in strada.

Il ritorno ad Instambul

Quando Ayaz ritorna in camera non trova più la sua Oyku ma soltanto il suo cellulare e quel video inviatogli dalla madre convinta che il figlio non fosse innamorato della ragazza.

Subito dopo anche il Dincer scende in strada dove ritrova "sua moglie" sotto una fitta pioggia. I due discutono animatamente. Oyku, profondamente delusa ed amareggiata, con le lacrime agli occhi gli promette vendetta.

La coppia di "non sposi" fa ritorno ad Instambul senza però avvisare nessuno del loro finto matrimonio.

Pubblicità

Appena giunti in casa Oyku mette le cose in chiaro: vivranno sotto lo stesso tetto perché tutti crederanno che siano effettivamente marito e moglie ma faranno una convivenza da separati. Ognuno avrà i suoi spazi, più ridotti per Ayaz che però non batte ciglio consapevole di dover subire una pesante punizione.

La 'guerra dei Roses'

Come promesso Oyku sferra il suo primo attacco con un pugno sul bel viso di Ayaz che si ritrova con un livido sotto l'occhio ma questo è soltanto l'inizio della "guerra dei Roses" fatta di calci, sgambetti e di oggetti non ben identificati che vengono scagliati con forza dalla minuta donna. Ma quando gli amici e i parenti bussano alla loro porta per festeggiare i novelli sposi tutto tace.

Dal canto suo Ayaz confida ad Ilker quello che è successo durante la loro fuga d'amore. Non potendo frenare la lingua, l'amico del Dincer spiattella tutto a Sibel e Burcu.

Il piano di Seyma

Intanto Seyma, che per il momento è ancora la perfida della compagnia, sta preparando un tiro mancino ai danni di Ayaz. A tal fine acquista in un negozio di oggettistica una cornice doppia. Cosa mai avrà in mente di fare?.

Se non volete perdervi il resoconto della puntata di domani allora potete cliccare sul tasto Segui posto vicino al nome dell'autrice dell'articolo.