A causa della dolorosa scomparsa di fabrizio frizzi, il programma L'Eredità, da lui condotto, è stato sospeso in segno di lutto, in attesa della decisione sulla nuova conduzione. A reggere il timone della trasmissione sarà Carlo Conti, fino a maggio, quando subentrerà il gioco Reazione a catena. I vertici Rai hanno deciso di non accantonare il quiz condotto da Frizzi, ma di affidarsi alla professionalità di Conti. Il compianto [VIDEO]Frizzi [VIDEO] aveva dato al quiz una nota di estrema umanità, commuovendosi spesso quando un concorrente non riusciva a vincere. Proprio queste doti avevano reso Fabrizio molto amato dal pubblico, che lo apprezzava per il suo modo di entrare in punta di piedi nelle case degli Italiani.

Con la sua immancabile risata, Frizzi riusciva a sdrammatizzare ogni situazione, mostrandosi sempre cordiale e mai fuori dagli schemi. Il quiz procederà con un altro professionista della nostra televisione che porterà avanti il lavoro intrapreso da Frizzi, in ricordo del caro amico e collega. Il mondo dello spettacolo ha pianto a lungo la scomparsa di un valido professionista e uomo esemplare come Fabrizio che ha lasciato nel dolore la moglie Carlotta e la figlia Stella, di soli cinque anni.

Ecco cosa andrà in onda in attesa de L'Eredità

In attesa che il testimone passi a Carlo Conti, la Rai sta trasmettendo, oltre allo spot di Frizzi che ringrazia tutti, Techetechetè, uno speciale che verrà trasmesso fino al preserale di sabato. Domenica, invece, al posto di L'Eredità, andrà in onda uno speciale dedicato a Mina. A proposito del quiz condotto da Frizzi, alcuni avevano anche parlato di una conduzione a turno fatta dai migliori amici e colleghi di Fabrizio, ma poi questa idea è caduta nel nulla.

In diverse occasioni Carlo Conti si è dimostrato all'altezza dei compiti [VIDEO]affidatigli, condotti sempre con la dovuta professionalità e l'immancabile garbo. Di sicuro anche a lui, così come ai telespettatori, mancherà la presenza di Fabrizio Frizzi, ma Conti saprà sostituirlo con buongusto ed eleganza, come ha fatto anche quando il compianto conduttore ebbe il primo malore. La formula della trasmissione rimarrà uguale; solo il testimone passerà, per forza di cose, a Conti che riuscirà a personalizzare la conduzione come ha sempre fatto, senza offuscare il ricordo di Fabrizio, ma valorizzandolo, in modo tale che possa rimanere sempre custodito nel cuore di ogni telespettatore.