Fabrizio frizzi ci ha lasciati nella notte tra domenica e lunedì mattina, stroncato da un'emorragia cerebrale. Era stato colpito da una ischemia nell'ottobre scorso [VIDEO] ma la sua tenacia l’aveva riportato sul piccolo schermo, in tempi record, il 15 dicembre. Un conduttore amatissimo, che riusciva a fare breccia nel cuore dei più cinici; il sorriso e il buonumore che non lo hanno mai abbandonato, neanche nei giorni difficili della malattia, ne hanno fatto simbolo della buona tv. Provato e stanco, non aveva rinunciato a registrare il suo programma serale, fino all'ultima puntata andata in onda, proprio domenica sera.

Muove i primi passi nella tv dei ragazzi

Uno dei pochi professionisti capaci di regalare eleganza e garbo, in un mondo dello spettacolo purtroppo abituato a scossoni e urla: per il suo modo di fare tv, è stato paragonato spesso a Corrado, al quale si ispirava.

Muove i primi passi nella tv dei ragazzi con programmi come “Il barattolo” e “Tandem” negli anni 80, nei quali già mostra talento innato e presenza scenica non comuni. Da “Pane e marmellata” condotto con la ex moglie Rita Dalla Chiesa a ''Miss Italia'', esperienza che porterà avanti per ben 15 edizioni, fino a trasmissioni come ''Scommettiamo che...?'' con il quale ottenne successi enormi, la media degli ascolti infatti, sfiorò i 12 milioni di spettatori. Una carriera artistica che conta un numero altissimo di presenze tv ma notevoli anche le apparizioni in fiction e gli spettacoli teatrali. Eclettico e versatile, un uomo discreto che ha sempre fatto dell'educazione e della compostezza il modus operandi, riuscendo a fare della gentilezza il suo tratto distintivo, sia professionalmente che nella vita privata.

Prova ne è stata la folta presenza di colleghi ma soprattutto di gente comune ai funerali che hanno avuto luogo, nella mattinata di mercoledì nella Chiesa degli Artisti, in Piazza del Popolo a Roma. Tanta gente cha ha voluto testimoniare l'affetto per un uomo semplice, una persona di famiglia come è sempre stato considerato, non solo l'artista. I colleghi Antonella Clerici e Carlo Conti, amici fraterni dai tempi degli esordi, hanno reso omaggio, recitando la preghiera degli artisti al termine dell'omelia. Flavio Insinna, legge una poesia a lui dedicata.

A Carlo Conti tornano le chiavi de "L'Eredità"

Conti è stato scelto per riprendere la conduzione del programma serale di Rai1 [VIDEO]: la guida del quiz show, ripartirà non senza emozione, visto il legame profondo che lo univa a Frizzi, soprattutto nella vita privata. Era stato proprio Conti a sostituire Frizzi alla guida del programma, durante l'assenza del suo "fratellone" dopo il malore e a riportarlo in tv, con una commossa consegna ideale delle chiavi dello studio.

“Grazie di tutto, Carlo”, aveva detto Frizzi, lasciando trasparire l'emozione sincera, segno della vicinanza che andava oltre il rapporto professionale e prova del supporto ricevuto nei momenti complicati che stava vivendo.

Il quiz tornerà nelle case degli italiani, probabilmente il 3 aprile per andare avanti fino a maggio, quando verrà rimpiazzato da “Reazione a catena” fino all’estate. Nel frattempo, verrà mandato in onda “Techetechetè”, nella stessa fascia oraria.

Non sarà semplice per Conti, ripristinare lo spirito gioviale della trasmissione, dopo una perdita così dolorosa. Il pubblico italiano, di certo, lo aiuterà a portare con più leggerezza il peso di quelle chiavi dello studio, che avremmo tutti voluto ancora nelle mani di Fabrizio Frizzi.