Le piattaforme di contenuti più popolari hanno sospeso gli account di Alex Jones. Le aziende hanno preso la decisione dopo che Apple ha sospeso cinque podcast di Alex Jones e del suo sito web Infowars. L'incitamento alla violenza e all'odio, oltre alla discriminazione sono alcune delle ragioni per cui queste piattaforme hanno agito contro Jones.

Facebook adotta misure drastiche contro Alex Jones

Una delle aziende che ha ospitato le pubblicazioni di Jones è Facebook. La piattaforma ha respinto quattro pagine di Alex Jones per "violazioni ripetute delle regole della piattaforma", ha detto la società lo scorso lunedì.

Facebook, in particolare, ha eliminato il canale Alex Jones, la pagina di Alex Jones, la pagina di Infowars e la pagina Notizie di Infowars. Un portavoce di Facebook ha dichiarato: "Le pagine violavano la nostra politica di violenza grafica e includevano anche un linguaggio discriminatorio per descrivere le persone transgender, musulmane e immigrate".

Il portavoce ha anche sottolineato il ruolo di Jones nel diffondere le teorie cospirative sugli attacchi dell'11 settembre 2001 e sull'attacco perpetrato in una scuola Sandy Hook nel 2012. Tuttavia, le ragioni per rimuovere i loro account non sono collegate con queste teorie. Al contrario, secondo le dichiarazioni di Facebook, sono state le violazioni delle regole di pubblicazione a causare il problema.

Youtube non è d'accordo con la violenza di Jones

La piattaforma video YouTube ha anche rimosso l'account Jones. L'azienda ha rilasciato una dichiarazione affermando: "Tutti gli utenti accettano di rispettare i nostri termini di servizio e le linee guida della comunità quando si iscrivono a YouTube. Quando gli utenti violano ripetutamente queste politiche, come le nostre politiche contro i discorsi di odio e di molestie, chiudiamo i loro account".

Le azioni di Facebook e YouTube contro Alex Jones sono arrivate poco dopo che Apple l'aveva rimosso dalla sua directory i podcast. Queste restrizioni sono dovute al comportamento inappropriato e insensibile di Jones. Ad esempio, i genitori delle vittime dell'attacco Sandy Hook del 2012 sono arrivati alle autorità perché Alex Jones ha dichiarato che l'attacco era uno scherzo.

Secondo Jones, quell'omicidio era una scena organizzata dai genitori stessi dei bambini.

Facebook ha sospeso il profilo personale di Jones dal sito per 30 giorni a fine luglio, ma dopo la sospensione Jones ha continuato a comparire regolarmente su Facebook. Jones ha postato video in diretta ospitati su altri account e anche sulla tua pagina personale utilizzando gli account di altri amministratori Infowars. Secondo le politiche delle piattaforme più popolari, questo comportamento è una violazione delle regole già stabilite.

Segui la pagina Google
Segui
Segui la pagina Apple
Segui
Segui la pagina Tecnologia
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!