Per 10 anni, Patrick Dempsey ha interpretato l'amato chirurgo Derek Shepherd in Grey's Anatomy. Nel 2015 però l'avventura tra i corridoi del Grey-Sloan Memorial Hospital si è conclusa, lasciando nello sconforto i fan del neurochirurgo. Tuttavia abbandonare il ruolo che lo ha reso famoso ha aperto le porte a "nuove avventure" come il telefilm di cui sarà protagonista, "La verità sull'affare Harry Quebert", in onda da questa settimana su Sky Witness.

The Truth About the Harry Quebert Affair: la trama

Il telefilm di cui Patrick sarà protagonista sarà trasmesso da domani, martedì 4 settembre, alle ore 21.00 su Sky Witness ( canale televisivo del Regno Unito) .

In particolare si tratta di un adattamento del romanzo di Joel Dicker. del 2012 "The Truth About the Harry Quebert Affair". Il cast comprende anche Ben Schnetzer e Kristine Froseth, mentre la regia è affidata a Jean-Jacques Annaud.

In questo thriller psicologico, Dempsey interpreta il ruolo dello stimato autore Harry Quebert, che vive una vita tranquilla nella sua appartata casa al mare nella piccola città di Sommerdale, fino al giorno in cui i resti di un'adolescente, Nola Kellergan, scomparsa più di 30 anni prima, vengono ritrovati nella sua proprietà. Quando uno degli ex studenti di Harry, l'autore di best-seller Marcus Goldman (Ben Schnetzer) sente la notizia, si precipita a Sommerdale, determinato a dimostrare l'innocenza del suo mentore.

Ma quando Harry rivela che ha avuto una relazione con Nola, che aveva - all'epoca - 15 anni, Marcus inizia a chiedersi se l'uomo che ammira potrebbe essere in grado di commettere un omicidio .

Patrick Dempsey: "Vi presento il mio Harry Quebert"

A pochi giorni dalla messa in onda del suo nuovo impegno televisivo, Patrick Dempsey si è raccontato in un'intervista al settimanale "TV&Satellite Week".

Ecco ciò che dichiarato a proposito del suo ruolo:

"Mi è piaciuto il fatto che fosse un personaggio 'oscuro' e quindi del tutto diverso da quelli che ho interpretato finora. Ma soprattutto mi ha affascinato la trasformazione fisica che avrei dovuto subire per adattarmi al ruolo. Il primo giorno sul set sono stato in sala trucco per ben sei ore, passando da 35 a 67 anni.

Del resto la storia che abbiamo raccontato parla di un uomo adulto che ha una relazione con una quindicenne! Devo dire la verità: all'inizio ho esitato molto, ma il regista Jean-Jacques Annaud aveva una visione chiara di ciò che voleva fare: non voleva portare in scena la storia di un predatore, anzi. Penso che quello che è successo tra Harry e Nola fosse più una connessione emotiva e spirituale che un'esperienza fisica. Nola è stata la musa ispiratrice di Harry in molti modi".

Segui la pagina Serie TV
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!