Nella puntata di 'Live non è la D'Urso' andata in onda ieri 20 marzo in prima serata su canale 5, ospiti della conduttrice le due ex tele imbonitrici Wanna Marchi e Stefania Nobile, le quali hanno accettato l'invito e si sono sottoposte al confronto con i cinque opinionisti. Non sono mancati insulti provenienti dal pubblico che nutre ancora un particolare livore nei loro confronti, ma anche le due donne non sono state da meno, mettendo in piedi un vero e proprio show con tanto di parolacce.

Caos a Live non è la D'Urso, Wanna Marchi: 'Abbiamo venduto sali a dei deficienti'

Le due ex tele-imbonitrici, dopo quasi dieci anni passati in carcere per truffa, hanno accettato l'invito di Barbara D'Urso e nella puntata dello show del mercoledì sera, hanno dato vita ad un violento battibecco con gli occupanti delle sfere, ma non solo.

Pubblicità

Anche tra il pubblico sono volati insulti all'indirizzo di madre e figlia, tanto che Stefania Nobile ad un certo punto ha risposto a tono ad un uomo presente in studio, mentre la madre ha guadagnato il centro del palco urlando 'abbiamo venduto sale a dei deficienti'. Un vero e proprio show quello andato in onda ieri sera in prima serata su canale 5, dove non sono mancate parolacce e insulti.

Wanna Marchi e Stefania, insulti e parolacce durante il confronto

Pur consapevoli di non essere amate dal pubblico italiano, Wanna Marchi e Stefania Nobile hanno accettato di essere ospiti nella seconda puntata di 'Live, non è la D'Urso'.

Sin da subito le due donne hanno polemizzato con la conduttrice e con il pubblico in studio, stanche di dover ancora parlare della loro vicenda giudiziaria che, come ricordiamo, le ha portate a scontare quasi dieci anni di carcere per truffa. Ora le due donne vivono in Albania, lontane dal clamore e dai pregiudizi della gente. Madre e figlia non le hanno certamente mandate a dire nemmeno agli opinionisti seduti nelle sfere ed hanno ribadito più volte come oramai, abbiano scontato la loro condanna.

Pubblicità

L'unico a difenderle in qualche modo è stato Mauro Coruzzi mentre un duro confronto si è acceso con Cecchi Paone il quale si è sentito dare del''intellettuale del ca...'.

Insulti, parolacce e urla hanno contraddistinto lo spazio dedicato a Wanna Marchi e alla figlia Stefania Nobile che, nel bene e nel male, continuano ad infiammare il dibattito anche sui social, dove gli utenti non sono rimasti indifferenti al confronto avvenuto nello studio di Barbara D'urso.