Con un po' di ritardo rispetto agli altri anni, sono stati resi noti i nomi degli otto giovani che andranno sul palco del Teatro Ariston per partecipare alla sezione Nuove Proposte del 70° Festival di Sanremo. La scelta è avvenuta il 19 dicembre in diretta tv su Rai 1, dove Amadeus ha condotto una serata nella quale si sono tenute delle sfide dirette tra i finalisti del circuito, selezionati in precedenza da una commissione musicale che ha scremato tra gli 800 brani pervenuti, oltre ai 700 di Area Sanremo.

La giuria televisiva

Il meccanismo di scelta ha visto l'unione dei voti di una giuria demoscopica, del televoto, della commissione musicale (di cui faceva parte lo stesso Amadeus) e di una giuria televisiva.

Quest'ultima era composta da personaggi che hanno condotto Sanremo o vi hanno partecipato: Piero Chiambretti, Antonella Clerici, Carlo Conti, Gigi D'Alessio e Pippo Baudo. Durante la serata i giurati hanno dato voti molto alti generando spesso una sostanziale parità, facendo in modo che la scelta effettiva fosse lasciata in mano alle altre giurie. Proprio per questo gli utenti del web si sono scatenati in commenti sarcastici.

Tra gli ex talent non la spuntano i ragazzi di Amici

La prima delle sfide ha visto due volti noti al pubblico dei talent: Leo Gassmann (figlio di Alessandro) da X-Factor 2018 e Thomas da Amici 2016. Il primo ha avuto la meglio nel duello portando il brano "Va bene così", intensa ballad d'amore che nel finale si apre con un arrangiamento che da spazio ai cori, particolarmente apprezzato dalla giuria televisiva che ha ritenuto "poco sanremese" il brano di Thomas.

Sul palco del Festival anche Fadi, artista riccionese, con "Due noi" che ha battuto il gruppo romano Reclame.

Il rap sarà rappresentato da Fasma con il brano "Per sentirmi vivo", che ha battuto l'ex-Amici Jefeo con "Un, due, tre, stella". Un giudizio schiacciante con ben quattro punti a favore del primo e zero punti per il secondo.

Una nota è stata quella espressa da Gigi D'Alessio che ha consigliato al ragazzo vincitore di utilizzare meno l'effetto autotune, perché ''ha una buona estensione e sarebbe meglio ascoltare di più la voce naturale''.

Il sociale con canzoni sull'Ilva e sul bullismo

Una delle sfide che più ha messo in difficoltà la giuria è stata quella tra Shari e Marco Sentieri.

La ragazza è ultimamente alla ribalta cantando nel tormentone radiofonico "Sale" di Benji e Fede. Anche al televoto, il pubblico ha preferito Sentieri che ha portato il brano "Billy blu", racconto di un ragazzo bullizzato che non prova rancore e aiuta il bullo allo sbando. Nonostante i complimenti della giuria e il sostegno da casa del popolo delle dreamers (la fanbase che sostiene Benji e Fede) il brano della giovane non ha convinto tutte le giurie.

Dal circuito Area Sanremo arrivano Gabriella Martinelli e Lula con un brano dedicato all'ex-Ilva di Taranto. Il gigante d'acciaio, questo il titolo, è una denuncia parla di chi non può o non vuole abbandonare la bella città e di chi dentro l'acciaieria ci lavora e vorrebbe vivere e non rischiare di perire per il lavoro.

Un tormentone con gli Eugenio in Via di Gioia

Per la quota indie la band Eugenio in Via di Gioia con l'energica "Tsunami" che hanno battuto Avincola. I quattro ragazzi, particolarmente attesi dal pubblico dei social e dagli addetti ai lavoro hanno presentato una canzone che ha fatto ballare tutto lo studio e che si preannuncia uno dei tormentoni del Festival, con il suo ritmo latino-americano nel ritornello. Chi è approdata di diritto al festival è la vincitrice di Sanremo Young, condotto proprio dalla Clerici, Tecla Insolia. Chiude il circuito dei partecipanti alle Nuove Proposte, Matteo Faustini con "Nel bene e nel male", anche lui da Area Sanremo.

Segui la pagina Festival Sanremo
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!