Continuiamo il nostroviaggio nel Sannio beneventano e dopo Ponte scopriamo la città diTorrecuso. Sorge a 423 m s.l.m., su di uno sperone del Monte SanMichele. Conserva l'antico aspetto medievale con strette e tortuosestradine, le case dai tipici tetti rossi che spiccano tra il verdedegli ulivi e delle viti.

Torrecuso fu il primocomune sannita ad aderire per plebiscito al Regno d'Italia dopo laspedizione dei Mille.

Le origini di Torrecuso sono longobarde, come dimostrano le torriincastonate nelle mura, e come ricorda nei suoi versi Antonio Mellusi (1847-1925) conosciuto come il gentil poeta del Sannio:

Làdel Taburno a l'ultima pendice

trainfranti torri appare un paesetto

daiLongobardi eretto

Ma reperti ritrovatimostrano insediamenti anche di epoca pre-romana e romana.

Il centro storico,nonostante i vari interventi di ristrutturazione, conserva lastruttura longobarda.

S. Erasmo è la chiesaparrocchiale risalente probabilmente al XIII secolo, a tre navateospita tre tele di pregio che raffigurano il martirio di S. Erasmo,San Filippo Neri e San Barbato.

La Chiesa della SS,Annunziata del XV secolo, in stile rinascimentale, a tre navate.Nell'abside si può notare una pala dell'Annunziata di scuolatoscana del '400. Nella navata centrale otto dipinti di VincenzoMusco raffigurano i quattro dottori della chiesa e i quattroevangelisti.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Ambiente

Inoltre si conserva una statua di San Vincenzo daSaragozza con le ossa del santo, la statua fu portata a Torrecuso dalMarchese Caracciolo.

La Chiesa di SanLiberato, venne edificata in epoche diverse, tra il XV e il XVIIsecolo, su una cappella preesistente, è una grancia della Chiesadell'Annunziata. Al suo interno vi sono diversi dipinti raffigurantila Madonna con i santi.

All'inizio del '700,sotto il marchesato dei Cito, l'antico castello feudale vennetrasformato, da un architetto napoletano di scuola vanvitelliana, inPalazzo conosciuto come Caracciolo-Cito, dai suoi terrazzi si possonoammirare paesaggi della valle.

Un ala del palazzo è adibita aduffici comunali, Il palazzo ospita la filiera Enogastronomica delSannio e l'annessa scuola del Gusto dei prodotti tipici locali.

Il Palazzo Di Palma, direcente restaurato, ospita il Museo del Vino e il Museo della Storiae della Memoria.

Da vedere ancora i restidel Ponte Fenucchio, di origine romana più volte distrutto ericostruito.

Il territorio diTorrecuso è a prevalente vocazione vinicola, sulle sue colline,baciate dal sole cresce l'aglianico, la falanghina, il greco e lacoda di volpe.

La CantinaFontanavecchia, nella contrada omonima, e la Cantina Tora inlocalità Tora, producono vini doc e docg: Aglianico del Taburno,Falanghina, Piedirosso, ma anche spumante di Aglianico e Grappa.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto