Sono ormai passati più di 2 mesi dall'incendio che colpì il Terminal 3 dell'aeroporto di Fiumicino il 7 maggio, e pare che si sia finalmente giunti a un accordo che permetterà di riaprire il molo D dell'aeroporto di Fiumicino. La notizia arriva dall'AdR (Aeroporti di Roma) che dopo aver ricevuto il via libera da parte delle autorità competenti, ha annunciato che il molo D sarà riaperto e diverrà di nuovo operativo dalle 23.59 di sabato 18 luglio.

Il Leonardo Da Vinci operativo al 100%

La riapertura del molo D del Terminal 3, significa molto per l'aeroporto di Fiumicino, in quanto questo significa che dopo 2 mesi difficili, si torna a vedere l'aeroporto più trafficato d'Italia nuovamente operativo al 100%.

AdR ringrazia tutte le compagnie aeree e i collaboratori aeroportuali, perchè è solo grazie a loro che in questi mesi si è riusciti a fare fronte a una vera emergenza, senza grosse ripercussioni sul traffico di passeggeri. Nonostante il Terminal 3 sia stato totalmente o parzialmente chiuso, si è riusciti a gestire un traffico aereo con punte di 130-150 mila passeggeri al giorno e grazie alla riapertura del molo, si punta a gestire un traffico sempre maggiore, in concomitanza col picco estivo.

La questione della salubrità dell'area

Fino ad oggi il molo era rimasto chiuso non tanto per i danni arrecati dall'incendio, ma proprio per la questione della salubrità dell'aria. In merito a ciò, AdR tiene a precisare che il permesso per riaprire il molo è arrivato dall'ASL di Roma. Si è prima proceduto a effettuare una bonifica della zona che subito dopo l'incendio presentava livelli di inquinamento molto alti e poi successivamente grazie a regolari esami dell'aria della zona, si è deciso di riaprire il molo.

I migliori video del giorno

L'ASL di Roma dichiara che in base all'ultimo test, i limiti di inquinamento sono rientrati al di sotto del limite previsto dalle normative vigenti e che quindi si è potuto procedere alla riapertura, con la promessa però di AdR di effettuare almeno un altro intervento di bonifica al sito primario dell'incendio.