Gli attentati simultanei praticati a Parigi dall'#Isis lo scorso venerdì 13, hanno avuto gli stessi effetti dell'11 settembre. Il Mondo Occidentale si sente in guerra e si prepara ad affrontare un nemico che non ha una faccia, una sagoma, una patria. A differenza dell'11 settembre 2011, quando Bush aveva ben in mente quali fossero gli obiettivi da colpire (Afghanistan e Iraq), oggi, a parte una zona della Siria, il nemico può essere ovunque. Può nascondersi anche tra i propri cittadini: i cosiddetti 'Lupi solitari'. E mentre la Francia ha dichiarato, per bocca del Presidente Hollande in uno storico quanto raro discorso a Camere unite, lo stato di guerra e la necessità di modificare perfino la propria Costituzione, in Italia il Ministro degli interni Alfano ha affermato che il livello di allerta è salito a 2.

Pubblicità
Pubblicità

D'altronde, proprio ieri è stata diramata una graduatoria delle Regioni italiane più a rischio attentati, che dimostra come, a parte qualche eccezione, quasi tutte possono essere oggetto di una dimostrazione violenta da parte dei terroristi. Poi ci sono gli eventi, occasione ghiotta per i terroristi di ottenere clamore ed eco. Superato in modo indenne l'Expo di Milano, ora ce ne sono altri che destano preoccupazione. Vediamo quali.

Gli eventi religiosi

Inevitabilmente, occorre partire dall'evento più lungo e di natura religiosa: il Giubileo. Il quale partirà l'8 dicembre e ingloba altri importanti eventi. Domenica 13 dicembre ci sarà l'apertura della Porta Santa della Basilica di San Giovanni e di quella di San Paolo fuori le Mura. Il primo gennaio 2016 sarà la volta della giornata mondiale della pace e data dell'apertura della Porta Santa alla Basilica di Santa Maria Maggiore.

Pubblicità

Dall'8 al 14 febbraio ci sarà l'esposizione delle spoglie di Padre Pio. Occhi puntati poi sulla città santa Assisi, dato che presso le Basiliche di San Francesco è atteso il tradizionale grande afflusso di pellegrini in vista del Natale. Quest'anno ancora più grande causa Giubileo.

I concerti: Eagles of Death Metal, Capodanno a Courmayeur e Madonna

Occhi puntati sul concerto degli Eagles of Death Metal, proprio il gruppo che si stava esibendo durante la strage al Bataclan di Parigi. Il gruppo sarà a Roma il 4 dicembre a Ciampino. Per ora l'evento figura ancora in programma, sebbene il gruppo stia pensando di sospenderlo dopo i fatti parigini e non si esclude che lo vieti lo stesso Comune. Grande attenzione poi per il concerto della Popstar Madonna, previsto il 19 novembre al PalaAlpitour di Torino. Sempre in tema di concerti, desta preoccupazione il Capodanno che ormai si tiene da qualche anno a Courmayeur, in diretta su Rai Uno e condotto da Carlo Conti. La diretta televisiva offre ai terroristi un ottimo modo per ottenere visibilità.

Pubblicità

Veneto, tra Carnevale ed evento religioso

Sebbene il Veneto non figuri tra le regioni maggiormente a rischio, occorre stare ''in campana'' per due eventi che si terranno a Venezia. Il primo, di natura religiosa, il prossimo 21 novembre, quando la città lagunare festeggia la Madonna della Salute. L'altro, nel mese di febbraio: il tradizionale Carnevale. Si sta anche pensando alla possibilità di obbligare le persone a togliersi la maschera durante i controlli. A questi eventi bisogna poi aggiungere i vari incontri in calendario per il nostro Presidente del consiglio Renzi e per il Presidente della Repubblica Mattarella. Soprattutto in occasione di Fiere, molto affollate. Occhi puntati anche sulle partite di calcio, partendo proprio dalla gara della Nazionale stasera a Bologna contro la Bulgaria. #terrorismo #Cronaca Roma