Il caso di cronaca arriva dalla Scozia, più precisamente dalla cittadina di Lanark nel Regno Unito, dove sono coinvolte nel mistero le suore dell'ordine cattolico, che amministrarono, fra il 1864 e il 1981, l'orfanotrofio Smyllum Park. Sembra quasi rientrare nella normalità, riportare alla luce casi analoghi a quello avvenuto in Irlanda cinque mesi fa, dove fu scoperta in altro orfanotrofio cattolico, fortunatamente anch'esso non più in funzione, una #tomba comune contenente i #cadaveri di oltre 800 bambini sepolti. Così si ripete il fatto di cronaca e ci si chiede in quanti luoghi si celeranno sotto metri di terra, altri morti e le loro tragiche storie.

Pubblicità
Pubblicità

Bambini in braccio alla morte

La scoperta di questi cadaveri è stata resa pubblica dai media britannici locali e rivelano il silenzio delle suore nella tentata intervista, per sapere della fossa che nascondeva i 400 bambini innocenti. Il caso sarebbe venuto alla luce grazie all'inchiesta del programma domenicale Sunday Post e dalla BBC Radio 4 nel servizio 'File on Four', quando le religiose del 'The Daughters of Charity of St Vincent de Paul', gestrici dell'ex orfanotrofio, ammisero nel 2003 che nella fossa si trovavano i cadaveri di 158 bambini. A cavallo di quegli anni, confessano, erano frequenti i casi di polmonite e tubercolosi. I bambini più deboli e malnutriti si ammalavano, diventando le vittime da seppellire in fosse comuni dove erano dimenticati.

Innocenti in una tomba senza nome

Circa 120 anni hanno visto nell'orfanotrofio Smyllum Park di Lanark l'ingresso di quasi 12mila bambini e due di quelli che vi hanno passato l'infanzia, nel 2003 hanno denunciato gli abusi subiti da chi li gestiva, permettendo alle autorità di scoprire la prima fossa comune dove erano sepolti una parte di essi.

Pubblicità

Così, nell'orfanotrofio al tempo chiuso da ventidue anni, sono state rinvenute numerose tombe con le lapidi e i nomi distinti di molte religiose cattoliche, ma niente che ricordasse le centinaia di piccole vittime decedute al loro interno. Jack McConnell, ex premier scozzese, si era già scusato a nome dello stesso Governo un anno dopo la scoperta della fossa comune. Alla nuova notizia ha commentato così al Sunday Post: 'È straziante la scoperta di tanti bambini sepolti e bisogna conoscere la verità su ciò che accadeva nell'orfanotrofio'. In attesa di una svolta al fatto di #cronaca nera e di conoscere cos'è realmente avvenuto, resta aggiornato cliccando sulla parola 'Segui' in cima alla pagina.