Eccoci dopo le festività di Pasqua, con l'analisi degli ultimi 10 #Sondaggi politici elettorali che riguardano le intenzioni di voto di altrettanti istituti, secondo le rilevazioni rese note ad oggi 7 aprile 2015. Ci riferiamo ad eventuali elezioni politiche, anche se in questo periodo impazzano le più imminenti elezioni regionali di cui continuiamo a seguirne i sondaggi elettorali.

Sondaggi elettorali politici ad oggi 07/04: 10 istituti a confronto, le intenzioni di voto

In questo articolo potete trovare i valori percentuali dei consensi ai maggiori 7 partiti politici (o forze politiche con eventuali alleanze), nel dettaglio, messe in ordine da sinistra a destra riguardo i seguenti 10 istituti sondaggisti.

Pubblicità
Pubblicità

Tecnè, Swg, Ipr, Ixè, Datamedia, Euromedia, Piepoli, Emg, Demos, Ipsos. Non abbiamo riportato l'ultimo sondaggio elettorale Lorien perchè risalente al 23 marzo, molto meno recente degli altri qui risportati.

  • Partito Democratico 37,5 - 39,4 - 36,0 - 38,4 - 37,1 - 37,0 - 38,0 - 37,2 - 36,6 - 35,7
  • Movimento 5 Stelle 19,5 - 17,0 - 19,0 - 18,7 - 19,8 - 20,0 - 19,0 - 20,3 - 20,4 - 21,3
  • #Lega Nord 13,5 - 12,6 - 13,5 - 13,5 - 14,6 - 13,5 - 14,5 - 15,4 - 11,5 - 13,7
  • Forza Italia 12,5 - 14,6 - 12,0 - 12,9 - 12,6 - 13,0 - 10,5 - 11,0 - 13,5 - 13,5
  • Area Popolare 3,0 - 4,2 - 3,0 - 3,5 - 2,4 - 2,6 - 3,0 - 2,9 - 3,6 - 4,7
  • Sel+Landini (5,0) - 3,2 - (6,0) - 4,3 - 4,0 - 4,0 - (5,0) - 4,1 - 4,8 - 3,6
  • Fratelli d'Italia-An 3,0 - 2,9 - 3,0 - 3,9 - 3,2 - 4,5 - 4,0 - 5,0 - 4,8 - 4,0

Per non perderci nei numeri, tiriamo le somme con una media degli ultimi 10 sondaggi politici elettorali, e qualche considerazione tra tendenze e numeri. Il PD oscilla in un range di quasi il 4%, dovuto soprattutto alla consueta sovrastima di Swg che si allontana più di tutti da una media che se si andasse a votare oggi alla Camera, sarebbe pari al 37,3%, in calo di circa lo 0,7% rispetto all'ultimo confronto effettuato 15 giorni fa. Il #M5S mediamente stimato al 19,5%, prende quello che perde il PD, vince la protesta agli scandali e alle inchieste che non coinvolgono i 5 Stelle.

Perde quasi l'1,0% la Lega Nord con un dato medio del 13,1%, certamente ha influito negativamente la questione regionali del Veneto, con Tosi espulso da Salvini e poi candidatosi contro Zaia. Resta indietro ma sale Forza Italia al 12,6%, anche in questo caso, il guadagno di Berlusconi è pari al consenso perso dalla Lega, tutto rimane dunque nell'ambito dell'elettorato di centrodestra.

Tra le altre forze politiche minori che hanno buone possibilità di superare la soglia di sbarramento del 3%, c'è qualcosa da precisare su SEL. Il partito di Vendola è stato associato alla Coalizione Sociale di Landini, che in realtà non è un partito, dunque il dato va preso per quello che può valere. Considerato che quest'ultimo vale meno del 2%, possiamo dire che Sinistra Ecologia Libertà da solo, vale circa il 4,0% mediamente, praticamente stabile rispetto a 2 settimane fa. L'Area Popolare non è altro che l'alleanza ormai dichiarata di Ncd+Udc, ad oggi otterrebbe un consenso medio e stabile del 3,2% circa, se Udc è leggermente salito, il Nuovo Centrodestra è invece sceso dopo il caso Lupi. Infine Fdi-An che intorno al 3,9%, conferma il ritrovato stato di salute, e che molti sondaggisti rispetto a 7 giorni, lo hanno indicato in crescita.