In queste giornate estive di caldo intenso il leader del Movimento 5 Stelle, #Beppe Grillo, rilancia la sua intenzione di andare ad elezioni anticipate e dalla spiaggia di Marina di Bibbona, risponde alla sua maniera, con enfasi, alle domande che gli vengono poste dal 'Corriere della Sera', spaziando su vari temi che vanno dalle elezioni anticipate, al governo e anche sulla Rai. “Il Movimento sta procedendo bene e la gente si sta accorgendo del fatto che oltre a noi non c'è un'altra soluzione. Il nostro è un problema di tempo: bisogna andare subito alle elezioni. Perché non vogliamo stare tutta la vita all'opposizione", dichiara il leader grillino nell'intervista rilasciata al Corriere.

Pubblicità
Pubblicità

Sulla riforma del Senato Grillo si esprime in modo negativo, bocciando su tutta la linea l'operato del Governo: “Siamo per un Senato elettivo, quindi contrari a questa riforma. Il voto di preferenza è uno dei nostri punti fermi, sin dai tempi del V-Day. Si tratta di avere una visione differente della politica al di fuori dell'intesa tra partiti“. Non risparmia critiche anche per il modello di Europa, che si basa esclusivamente sulla moneta unica, l'Europa delle banche e dello spread, molto lontano dal progetto originale. Su questo tema l’obiettivo del movimento è quello di riuscire a nazionalizzare le banche cercando di istituire una moneta parallela, con il ritorno alla lira: "Questa non è l’Unione Europea che volevano i padri fondatori, poiché è tutto in mano alle banche.

Pubblicità

Abbiamo anche indetto, per la fine di questo anno, un referendum sull’euro. Dobbiamo tornare ad essere una nazione autonoma. Il nostro piano B lo conoscono tutti: nazionalizzazione delle banche e creazione di una moneta parallela che chiameremo 'lira forte".

Sulla questione del rinnovo del Cda della Rai, Grillo ha un giudizio positivo su Carlo Freccero, di cui ne ha sostenuto la candidatura, mentre esprime qualche dubbio sulla nomina di Monica Maggioni: “Freccero è una persona competente, è un creativo. È stata la migliore scelta possibile. Peccato per la nomina della Maggioni a presidente, una persona che ha quasi affossato Rainews: credo che non sia all’altezza del ruolo”. #M5S