La nuova settimana, la seconda del mese di ottobre, ci offre altri spunti di discussione per quanto concerne le intenzioni di voto ai partiti politici. Quest’oggi andremo a confrontare i dati pubblicati da SWG e Ixè, i quali evidenziano una netta ripresa del Partito Democratico, con il Movimento 5 Stelle che mantiene il passo. Si prospetta sempre più un duello, con gli altri a raccogliere le briciole. Gli ultimi mesi hanno visto una riduzione del gap tra i due partiti, cosa che però sembra essersi stabilizzata in questo inizio d’autunno. Dopo aver toccato il fondo, il PD è tornato a far registrare segnali positivi, forse grazie alle nuove riforme, ma non se la passa male neppure il M5S, che si mantiene ad una decina di punti percentuali.

Pubblicità
Pubblicità

SWG: si accende la sfida tra Renzi e Grillo

L’istituto SWG ha pubblicato gli ultimi sondaggi elettorali, che mostrano come la ripresa del partito di #Matteo Renzi continui in questa prima decade di ottobre. Nel giro di una settimana si è passati dal 35,8% al 36%. Un piccolo passo in avanti, ma un mattoncino per volta si sta ricostruendo ciò che era fino a qualche mese fa dopo la profonda crisi che l’aveva portato quasi nel baratro. Il movimento di #Beppe Grillo si mantiene comunque in scia e fa registrare un +0,6%, portandosi così al 25,5%. Un discreto balzo in avanti per i grillini, che staccano Lega Nord, attestata al 15,5%, nonostante il +0,5% ottenuto da sette giorni a questa parte. Lieve incremento anche per Forza Italia (+0,1%), che si trova all’11,7%. Stabile Fratelli d’Italia al 3,2%, mentre cedono qualcosina sia Nuovo Centrodestra (2,8%) che Sel (2%), rispettivamente lo 0,2% e lo 0,3%.

Pubblicità

Rifondazione Comunista è in calo allo 0,8% (-0,2%). Gli altri dell’area di Governo si attestano allo 0,7% (-0,1%), mentre quelli dell’opposizione sono all’1,8% (-0,6%).

Ixè: perdono ancora Lega Nord e Forza Italia

Qualche differenza la possiamo notare nei #Sondaggi politici pubblicati da Ixè. Le ultime intenzioni di voto mostrano ancora una flessione dei massimi partiti del Cdx. Matteo Salvini è al 14,3%, in calo dello 0,3% rispetto all’ultima rilevazione effettuata, mentre la perdita di Silvio Berlusconi è ancor più decisa (-0,7%), con FI che ora si trova al 9,6%, un vero e proprio record in negativo. FdI-AN si attesta al 3,3% (-0,1%), mentre NCD-UDC vanta il 2,8% (+0,2%). Gli altri di centrodestra ottengono lo 0,6%. Passando al centrosinistra, invece, abbiamo il Partito Democratico al 35% (+0,3%), mentre Sinistra Ecologia e Libertà scende dal 4,8% al 4,6% in quest’ultima settimana; Scelta Civica fa registrare un incremento dello 0,1% e passa allo 0,3%; gli altri di Csx sono al 4,6%. Abbiamo poi il Movimento 5 Stelle al 25,1% (+0,9%), mentre tutti gli altri partiti si attestano al 3,3%.