Ne hanno fatti solo 5 litri come prima prova, ma il risultato è stato eccezionale. Cosahanno fatto? Semplice, hanno trasformato l'aria in benzina; ok, ma come hannofatto? Ancora più semplice, hanno preso l'anidride carbonica dall'aria el'idrogeno dall'acqua. Va bene, ma cosa hanno ottenuto? Cinque litri di benzinaverde, utilizzabili per auto, moto, camion o addirittura aeroplani.

Non sembra l'ennesima bufala a sentire le parole di Tim Fox, responsabile del dipartimentoenergia e Ambiente dell'Istituto di Ingegneria Meccanica di Londra, dove l'Air Fuel Synthesis di Stock on Trees (gliscienziati autori di questa scoperta al limite dell'incredibile) ha presentatoquesto prodotto sulla carta portentoso.

Il direttore esecutivo della società,Peter Harrison, rincara la dose,affermando che la benzina prodotta è perfettamente compatibile con tutti imotori in circolazione, non dovendo così neanche procedere a un lento cambio"generazionale" di eventuali motori non più adatti alla nuovabenzina; l'odore è lo stesso, aggiunge inoltre sempre Harrison, mentre ilprodotto è molto più chiaro e pulitodella normale benzina ottenuta dai combustibili fossili.

Al momento l'unico ostacolo sembrerebbe l'elevatocosto di produzione, visto che attualmente non può prescindere dall'energiaelettrica e il costo per produrre una tonnellata di benzina si aggira intornoalle 400 sterline. A detta di molti,tra cui il professor Klaus Lackner della Columbia Universitydi New York, sembrerebbe un dettaglio di poco spessore, alla fine siamosolo nelle prime fasi dello sviluppo del progetto, entro due anni il produttoreesecutivo della società è convinto di poterne mettere in commercio producendoneuna tonnellata al giorno ed entro quindici di poterla produrre in scalaindustriale; nel frattempo si sarà magari già trovato il sistema perottimizzare i costi di produzione di questa benzina più "verde" di quella attuale.