La provincia del British Columbia, situato sul bordo occidentale del Canada, ha 55 milioni di ettari di superficie forestale pubblica, facendo dell’industria forestale uno dei settori chiave della provincia. Ogni anno l'industria crea rifiuti di legno, che gli innovatori della provincia hanno trasformato in una risorsa preziosa: pellet di legno.

In tutta la provincia c'è abbastanza legno per contribuire a soddisfare la crescente domanda globale di biocarburanti.

Sette milioni di tonnellate di legno (sottoprodotto) è stato creato dal disboscamento e quasi 140 milioni di tonnellate da alberi caduti, rami secchi dovuti a epidemie o parassiti (vedi lo scarabeo di montagna) o dai semplici incendi.

Ricerca e sviluppo sono le chiavi per il successo del settore dei pellet.

Il British Columbia è una regione chiave per la fornitura di pellet di legno e produce circa il 66 per cento della produzione del Canada.

Attualmente, l'Europa sta aumentando la sua domanda di pellet sia per riscaldare le case che per alimentare le industrie.

La richiesta comincia ad essere globale e se si pensa anche ai mercati asiatici, notoriamente legati a fonti energetiche diverse, addirittura impegnativa.

Iniziano infatti le esportazioni anche in Paesi come la Corea o il Giappone.

 Uno dei più grandi produttori di pellet del British Columbia è Pinnacle Renewable Energy Group.

L'Industria del pellet della British Columbia vanta inoltre una forza lavoro altamente qualificata fornendo competenze tecniche per le operazioni di bioenergia in tutto il mondo .

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto